www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 28/07/2010  -  stampato il 07/12/2016


Lanusei: Convegno Regionale del Sappe su Legalità Giustizia e Prevenzione

E' stata scelta Lanusei per la celebrazione del Convegno Regionale del S.A.P.Pe., un territorio assediato dal crimine che anziché essere tutelato e bonificato dalle Istituzioni rischia la chiusura di due sedi Istituzionali come il Tribunale presso la Procura della Repubblica e la Casa Circondariale. 
Alla manifestazione sono intervenuti i maggiori rappresentanti locali, tra questi il Sindaco di Lanusei Virginia Lai, che ha evidenziato l’importanza dei servizi essenziali per il territorio dell’Ogliastra, asserendo che gli stessi devono essere garantiti per il bene della comunità. Il Vice Prefetto di Nuoro, Pintori,  ha affermato: «è meglio un paese senza pane che un paese senza giustizia», lanciando un monito contro il  rischio di vedere chiudere il suo Tribunale.
Una Ogliastra senza un presidio giudiziario preoccupa le Istituzioni locali, regionali, provinciali e clericali:  per questo sono intervenuti anche il nuovo Presidente della Provincia Bruno Pilia, alla sua prima uscita pubblica e  il Vescovo, Monsignor Antioco Piseddu.
In campo contro la paventata soppressione del Tribunale e del carcere anche il Sostituto Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Roma, già Presidente del Tribunale di Lanusei, Alberto Cozzella, che sostiene che solo chi non conosce il territorio dell’Ogliastra non può capire quanto sia importante per questa zona non perdere questi presidi, lo stesso si è rivolto al C.S.M., che ne ha chiesto la chiusura al Ministro della Giustizia Alfano.
Il Segretario Regionale del Sappe Antonio Cocco nel suo intervento ha dichiarato che non è più rinviabile la ristrutturazione del carcere di San Daniele. 
Considerato che a Lanusei non è in previsione la costruzione di un nuovo carcere, si dovrà necessariamente riqualificare e ampliare l’attuale struttura, al fine di consentire condizioni migliori sia alla popolazione detenuta che al personale dipendente.
Il Segretario Regionale Aggiunto Angelo Gavino Tedde, moderatore del Convegno, ha rappresentato il proprio timore affermando: «se il territorio dell’Ogliastra si lascia scippare il Tribunale, a ruota seguirebbe la chiusura del carcere e l’Ogliastra si trasformerebbe in un sobborgo del Burundi».
A portare i saluti dell’Amministrazione sarda Marco Porcu, Direttore della Casa Circondariale di Lanusei, delegato dal Provveditore Regionale della Sardegna Francesco Massidda, che ha evidenziato quanto il personale del penitenziario di Lanusei sia parte integrante del territorio e come offra sempre la propria collaborazione alle altre Forze dell’Ordine.
Il Convegno ha anche posto in luce la capacità professionale e associativa messa in campo dalla componente regionale del S.A.P.Pe. nel mettersi in discussione e affrontare temi delicati e complessi quali lo stato sociale in generale, la sicurezza a vari livelli, il mondo della scuola e i giovani oltre ai mutamenti del territorio.
Soddisfazione è stata manifestata da parte della Segreteria Regionale del Sappe per la riuscita dell’evento, per aver discusso e fatto discutere di temi che vanno ben oltre le mura del carcere, continuando nel progetto di crescita ed innovazione del Corpo di Polizia Penitenziaria. 
Una innovazione  a cui si lavora continuamente per non restare impreparati di fronte alle innovazioni future; qualcuno, invece, diversamente, pensa che il futuro si affronta con le parole, il Sappe, alle parole preferisce i fatti, ecco perchè il nostro motto non poteva che essere Res Non Verba di cui siamo orgogliosamente fieri.