www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 30/08/2010  -  stampato il 06/12/2016


La Merkel invita Bush a pranzo e un detenuto chiede il conto

8 settembre 2006, in onore di George Bush in visita in Europa, il Cancelliere tedesco Angela Merkel organizzò quella che è stata considerata la grigliata più costosa della storia con un costo di 14,7 milioni di euro spesi in totale.

Non tutti andati in fumo sulla brace però: per proteggere la sosta di 40 ore sul suolo tedesco del presidente americano prima di recarsi in Polonia, il governo aveva allora impiegato 12.500 agenti di polizia, 8.000 dei quali erano arrivati da altri 13 laender, con un costo che il Ministero dell’Interno del Meclemburgo ha stimato a 8,7 milioni di euro.

A volerci vedere chiaro è un ex rapinatore di banca, Thomas M., attualmente detenuto nel carcere di Bruchsal, il quale ha portato in tribunale a Schwerin il governo tedesco, per sapere esattamente quanto è costata al contribuente la famosa grigliata estiva sulla spiaggia del villaggio di Trinwillershagen, nel collegio elettorale del cancelliere nel Meclemburgo. L’ex rapinatore sospetta che il conto finale sia stato invece ancora più salato e ha chiesto di fare chiarezza anche sulle fatture per 5,7 milioni di euro pagate dagli altri laender.

Il detenuto si è avvalso di una legge entrata in vigore nel luglio del 2006, una legge che obbliga le autorità pubbliche a fornire tutte le informazioni in merito alle spese dei vari laender. Il problema però è che tutti i laender devono essere d'accordo per fornire queste informazioni.

Come scrive la Sueddeutsche Zeitung, questa legge decadrà nuovamente il 30 giugno 2011, con la conseguenza che a causa della complicata procedura di verifica delle fatture, ammesso che il tribunale di Schwerin ne accolga la richiesta, tutto rischia di finire in una bolla di sapone. «Se la legge decade», ha spiegato sconsolato l’avvocato del detenuto, «non c’è più nemmeno il diritto di vederci chiaro».

Il risultato facilmente prevedibile è che ad andare in fumo sarà anche la richiesta di chiarimenti del detenuto tedesco.