www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 07/09/2010  -  stampato il 04/12/2016


IRLANDA DEL NORD: un milione di sterline per pagare personale penitenziario sospeso dal servizio.

 

Scandalo nel Corpo di Polizia Penitenziaria nordirlandese dove un’interrogazione parlamentare dell’Onorevole Patsy McGlone rivela che il   Northern Ireland Prison Service ha continuato a pagare lo stipendio al personale penitenziario sospeso dal servizio con un esborso di un milione di sterline negli ultimi cinque anni.
Il Northern Ireland Prison Service è un'agenzia all'interno del Dipartimento di Giustizia che cura la gestione e la fornitura dei servizi nell'ambito del sistema carcerario del Nord Irlanda.
Gli stipendi corrisposti al personale carcerario sospeso dal servizio sono stati pari a unmilione di sterline, nell’arco di 5 anni.  E ben 440.000 sterline sono state versate soltanto  nel corso dell’ultimo esercizio.
Il NI Prison Service ha rivelato le cifre in risposta ad un’interrogazione parlamentare presentata da Patsy McGlone, rappresentate SDLP all’Assembly.
Un portavoce della polizia penitenziaria ha dichiarato che le attuali procedure sono state oggetto di riesame, ma che, comunque, il NI Prison Service prende molto sul serio presunte violazioni di condotta del personale e che, in alcuni casi, è opportuno che il personale non permanga al lavoro.
Ovviamente, le procedure di sospensione dal servizio vengano applicate nei confronti di poliziotti oggetto di indagine per colpa grave oppure in attesa del risultato di un’azione disciplinare per gravi violazioni.
Purtroppo, le  procedure di indagine possono potrarsi anche per un lungo periodo.
Nello specifico il portavoce del NIPS ha evidenziato che la maggior parte dei pagamenti dell'anno scorso è andato al personale del carcere di Maghaberry che è stato sospeso nell'ambito di un'inchiesta sulle circostanze del suicidio del detenuto Colin Bell.
Patsy McGlone ha affermato di essere rimasto di stucco davanti alle cifre presentate in risposta alla sua interrogazione al Ministero della Giustizia ed ha preannunciato una ulteriore interrogazione per ottenere nuovi  dettagli.
 Cesare Cantelli