www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 30/09/2010  -  stampato il 10/12/2016


Delenda Ucciardone!

Il mio amico Commissario Ultimo (in graduatoria) mi parla sempre dei colleghi dell’Ucciardone per i quali prova una grande stima. 

Questi, pur lavorando in un carcere borbonico, dove il tempo si è fermato veramente al 1840, in condizioni estreme, in ambiente malsano infestato da fauna di ogni genere (vedi l’articolo “safari all’Ucciardone” ), con comunicazion i verbali e grida gutturali, senza sottufficiali, con assistenti capo di sorveglianza generale, con 160 uomini in meno rispetto alla pianta organica, e insomma, abbandonati a se stessi, riescono comunque a portare avanti un Istituto che, potrebbe andare avanti anche da solo per forza d’inerzia.  
Il mio amico Commissario Ultimo, alla fine di ogni discorso, così come Catone il Censore pensava che era necessario distruggere Cartagine (delenda carthago), conclude dicendo : ritengo sia necessario che l’Ucciardone chiuda (Delenda Ucciardone, per parafrasare Catone).
Infatti, così come i Romani, solo dopo la 3ª guerra punica e dopo aver distrutto Cartagine, diventarono una potenza mondiale, chiudendo l’Ucciardone il Dipartimento Amministrazione Penitenziaria – secondo lui – acquisterebbe prestigio presso l’opinione pubblica in quanto metterebbe fine alla parola “vergogna” più volte espressa da parlamentari in passerella in visita alla fortezza borbonica per le condizioni di vita dei detenuti non degne di un paese civile, darebbe la possibilità a centinaia di agenti di trasferirsi in altre carceri dove le condizioni lavorative sono più dignitose, e restituirebbe alla meravigliosa città di Palermo uno dei più bei monumeti dell’epoca borbonica, conosciuto tristemente in tutto il mondo come carcere per antonomasia.
Una chiusura da molti parlamentari indignati solo paventata, ma nei fatti mai nessun uomo politico si è intestato tale battaglia che è prima di tutto una battaglia di civiltà, in quanto avere il coraggio di chiudere un carcere come l’Ucciardone, allineerebbe l’Italia fra i paesi civili d’Europa. E quindi, se anche parla di calcio o della Juventus o della Champions League, il mio amico Commissario Ultimo, aggiunge alla fine del discorso queste parole: Comunque, io penso che l’Ucciardone debba essere chiuso!