www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 05/10/2010  -  stampato il 11/12/2016


Considerazioni a caldo sul sito web ufficiale della Polizia Penitenziaria

E’ da molto tempo che non visito il sito web ufficiale del Corpo di Polizia Penitenziaria (www.polizia-penitenziaria.it). E’ una scelta dolorosa, ma è dettata dal fatto che il dolore che mi provocherebbe la conferma di rivederlo nelle condizioni in cui l’ho trovato nei mesi scorsi, le stesse condizioni che ormai perdurano da anni, me ne avrebbe provocato uno ancora maggiore.

Ma, per fatti che immagino emergeranno nei prossimi giorni e che traggono origine da questioni incomprensibili di qualcuno che “lavora” al DAP, oggi mi è stato richiesto di esprimere un parere.

Nel visitare il sito web in questione, mi è molto difficile disgiungere la parte emotiva dalla parte razionale: per tante ragioni che attengono al mio personale passato. Per questo mi sono “turato il naso” e ho speso un po’ del mio tempo a cercare di immedesimarmi in un visitatore occasionale che trovi a “sfogliare” il sito web ufficiale del Corpo di Polizia Penitenziaria.

La prima impressione è quella di poca perizia con cui il sito è stato realizzato, ma quello dipende forse dal fatto che la redazione tecnica è ridotta davvero all’osso e quella della realizzazione tecnica del sito è solo una delle molteplici attività demandate alle persone addette. Inoltre,  una mia formazione, preparazione ed esperienza in fatto di siti web, mi fa cogliere al volo i difetti strutturali. Difetti che forse un visitatore occasionale non è in grado di cogliere. Inutile procedere per questa strada: atteniamoci esclusivamente ai contenuti e valutiamo il peso che nel sito si danno alle notizie ivi presenti.


SITO WEB DELLA POLIZIA PENITENZIARIA O DEI GRUPPI SPORTIVI?
 Partiamo da un mero calcolo statistico della tipologia delle informazioni che sono presenti nella pagina del sito web ufficiale della Polizia Penitenziaria valutate alle ore 15 circa del  5 ottobre 2010 A.D.

In questo momento ci sono quindici notizie sulla homepage, di cui cinque riguardano i Gruppi Sportivi. Benissimo! I Gruppi Sportivi della Polizia Penitenziaria sono il fiore all’occhiello del Corpo e devono avere massimo risalto nella strategia comunicativa che mette in campo il DAP. Ma forse, se il 33,3% periodico delle notizie presenti sul sito riguardano i Gruppi Sportivi (dico forse), qualcosa è un po’ sbilanciato, se non altro per l’impressione che un visitatore poco informato potrebbe farsi della Polizia Penitenziaria: “Ma questi stanno sempre a fare sport invece di controllare le carceri? E poi si lamentano che hanno problemi di personale…".


SITO WEB DELLA POLIZIA PENITENZIARIA O BLOG DI IONTA?
In “primo Piano” due notizie fresche fresche: la partecipazione al Salone nautico internazionale di Genova dal 2 al 10 ottobre con uno stand della Polizia Penitenziaria e al secondo posto la partecipazione del Capo del DAP Franco Ionta al convegno della Federazione Italiana dei Medici Pediatri “Cicatrici sulla pittura fresca” che sinceramente mi sarei aspettato di leggere su siti come www.paternitaoggi.it e non “in primo piano” sul sito ufficiale della Polizia Penitenziaria; da notare poi la sottigliezza con cui Franco Ionta si fa chiamare Capo del DAP e non Capo della Polizia Penitenziaria, come lui stesso ha più volte ribadito di essere, proprio sul sito web della Polizia Penitenziaria… Allora mi chiedo: Ionta che partecipa ad un convegno “poco attinente”, non dico alle questioni del Corpo, ma nemmeno a quelle penitenziarie, è una scelta dettata dalla scarsa consapevolezza della “mission” del sito web, oppure un puro atto di piaggeria nei confronti del “Capo”? Non è la prima volta che una notizia del genere compare in “Primo Piano”. Non facciamo prima a rinominare la rubrica in “il blog di Franco Ionta”?


FOTO DA CARTOLINA CHE NON DICONO NULLA DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Subito sotto ho trovato una serie di belle immagini “da cartolina” sulla Polizia Penitenziaria che potrebbero fuorviare il poco informato viandante sulle reali attività e compiti della Polizia Penitenziaria: “Ma questi stanno sempre in giro la sera a farsi ritrarre in pose da riviste patinate? Ci credo poi che i detenuti evadono!”. Sorvoliamo sul fatto che le immagini possono solo essere osservate passivamente senza possibilità di fermarsi ad ammirarne una in particolare, condividerla, salvarla sul proprio computer. Tralasciamo va, anche se un minimo di competenze in fatto di comunicazione pubblica dovrebbe consigliare che una bella immagine che è costata parecchio in termini di risorse umane ed organizzative, potrebbe essere messa a disposizione dell’utenza per farla “girare” attraverso i tanti strumenti tecnologici che si hanno a disposizione per migliorare l’immagine della Polizia Penitenziaria nei confronti dell’opinione pubblica.

Più in basso le cinque notizie sui Gruppi Sportivi, che come abbiamo visto, rappresentano una delle maggiori attività in cui è impiegata la Polizia Penitenziaria o almeno così appare.


APPROFONDIAMO LE NOTIZIE SULLA POLIZIA PENITENZIARIA…

Sulla colonna di sinistra dell’homepage del sito iniziamo con gli “Approfondimenti”. Subito in alto l’uscita del numero di settembre della rivista ufficiale dell’Amministrazione penitenziaria (non del Corpo di Polizia Penitenziaria, ovviamente) con un link al pdf della rivista e non potrebbe essere altrimenti perché il sito web della rivista (www.leduecitta.com) è fermo al numero di marzo 2010.

Proseguiamo con la notizia della nascita del canale video su www.youtube.com. Mi faccio coraggio ed entro e trovo addirittura sette video a disposizione offerti dall’Ufficio stampa del DAP dal giugno 2010! Badate bene il canale video è stato intitolato “Ufficio Stampa del DAP” e non “Polizia Penitenziaria”, come se su una Ferrari, al posto della scritta “Ferrari”, trovaste la scritta “Ufficio Stampa FIAT”: vi roderebbe un po’ il sederino oppure no?

Clicco su “Approfondimenti” per consultare tutti gli approfondimenti e cosa trovo? Dieci notizie di cui tre sulla comunicazione dell’uscita della rivista “Le Due Città”, più quella sul canale youtube e sei sulle edizioni del 2010 delle feste locali della Polizia Penitenziaria da cui, come viandante comune, approfondisco che questi poliziotti penitenziari, per il 60% del loro tempo, festeggiano!!!


FINALMENTE LE NOTIZIE!
Sempre sulla colonna di sinistra seguono le notizie dai PRAP, la prima delle quali non è possibile nemmeno collocare nel tempo in quanto manca la data di riferimento (una delle regole fondamentali del giornalismo è quella di informare i lettori sul “quando” avviene un evento) e le altre di metà settembre. Come tutti sanno, da metà settembre fino ad oggi, non è successo nulla nelle carceri o almeno è quello che si evince dal sito web della Polizia Penitenziaria.

A seguire arrivano finalmente le “Notizie”: un interpello, una notizia di inizio settembre e una circolare del DAP. Clicco per leggere le altre notizie e trovo che dieci su dieci (100% delle notizie) riguardano i famigerati Gruppi  Sportivi…

La mia visita si ferma qui, ho la nausea. Se approfondisco e vado a visitare le altre pagine interne, già so che troverei lo scempio (ma è un mio giudizio personale, magari ad alcuni il sito piace così com’è) che ho trovato mesi fa, perciò mi limito a queste semplici constatazioni di fatto, senza entrare nel merito dell’efficacia comunicativa dei contenuti delle pagine web del sito ufficiale della Polizia Penitenziaria.


GRAZIE DAP!
Grazie DAP! Grazie per tendere la mano a noi poliziotti penitenziari e guidarci in pasto all’opinione pubblica che penserà alla Polizia Penitenziaria come un Gruppo Sportivo che passa le serate a farsi fotografare nelle piazze. Poi ovviamente ci sono i secondini e le guardie carcerarie, quelli che “massacrano” i detenuti, ma sono cosa diversa, oppure no?

Grazie DAP!

Altre considerazioni: L'ufficio stampa relazioni esterne del DAP e la tentazione della gestione privata di cosa pubblica