www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 20/10/2010  -  stampato il 08/12/2016


Il Dap prossimo venturo. Le indiscrezioni sulle nomine di Direttori Generali, Dirigenti Generali e Direttori di Ufficio. Parte seconda.

Sono passati otto mesi da quando ho scritto il primo articolo di indiscrezioni sulle grandi manovre in svolgimento al nostro Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria (http://www.poliziapenitenziaria.it/public/post/blog/il-dap-prossimo-venturo-le-indiscrezioni-sulle-nomine-di-direttori-generali-dirigenti-generali-e-d-283.asp ).

Con una approssimazione tutto sommato tollerabile (come la famosa forchetta degli exit pool) parecchie cose preannunciate si sono, poi, verificate.
Bucate le previsioni sui due Vice Capi del Dap che sono rimasti entrambi ai propri posti (per Di Somma non è una novità visto che siede su quella poltrona da quasi dieci anni, per Santi Consolo, invece, si tratta semplicemente della mancanza di posti disponibili nelle sedi giudiziarie desiderate), ho avuto maggior fortuna sulle ipotesi successive.
Dicevo dei Direttori Generali:
Sembra, ormai, certo il turn over di Massimo De Pascalis al posto del quale potrebbe essere nominato un magistrato fuori ruolo (circola il nome dell’attuale vice Capo di Gabinetto Calogero Roberto Piscitello) o, in alternativa, Riccardo Turrini Vita.
Sulla poltrona di Direttore Generale dell’Esecuzione Penale Esterna dovrebbe sedere, con tutta probabilità, Luigia Mariotti Culla che lascerebbe il suo posto all’ISSP allo stesso Turrini o, in alternativa, a Maria Pia Giuffrida o a Ilse Rusteni; qualche chance di sostituire Turrini Vita ce l’ha anche Massimo De Pascalis.”
Ed, infatti, Turrini Vita è andato al Personale, Mariotti Culla all’Esecuzione Penale Esterna e De Pascalis all’Ispp.
(Peraltro il Cons. Piscitello dovrebbe andare a ricoprire l’incarico di Direttore Generale del Personale all’Organizzazione Giudiziaria al posto di Carolina Fontecchia già destinata ad altro incarico).
Nessuna sostituzione (come previsto) ai Beni e Servizi, è arrivato un Magistrato all’Ufficio Studi (Federico Falzone)mentre è ancora vacante la direzione del Contenzioso.
Esatta (a metà) la previsione sugli ufficiali del disciolto Corpo: via Costantini e Ricci, sostituiti da Sanseverino e Giacopello, mentre sono rimasti al proprio posto D’Amico (giubilato al fotofinish per l’Uspev) e Mattiello.
Imprevista, ma tutto sommato gradita, la nomina del Generale De Iovanna a Direttore del Centro Elaborazione Dati dell’A.P.
Incredibilmente tutto fermo, invece, fino ad ora per le nomine dei Dirigenti Generali e per i conseguenti incarichi di Provveditore.
Cinque (presto sei) fino ad oggi i posti vacanti: Gasparo, Sparacia, Massidda, Quattrone e Giuliani i Dirigenti Generali che hanno lasciato il servizio, per quattro Provveditorati vacanti (Basilicata, Puglia, Sardegna e Calabria), più un altro posto vacante dal prossimo primo novembre (Zaccagnino) che lascerà libero anche il provveditorato regionale del Lazio.
A quanto pare, i primi quattro posti dovrebbero essere già stati assegnati (i bene informati sostengono che le nomine dovrebbero essere attribuite dal Consiglio dei Ministri di questa settimana) ed i destinatari dovrebbero essere, nell’ordine, De Gesu, Vaccaro, Veneziano e Di Paolo.
Tutta da giocare, invece, la partita per gli altri due posti, per i quali se la giocano Cantone, Buffa (ed uno tra i due dovrebbe essere sicuro), Magri, Brunetti e Sbriglia.
Outsiders di turno, Mattiello e D’Amico, ufficiali del disciolto Corpo, che potrebbero avere una chance nella partita  (anche così non fosse c’è già chi ipotizza un ideale passaggio di testimone fra poco più di un anno quando lascerà libero il proprio posto Enrico Ragosa, dirigente generale proveniente dai ruoli del disciolto Corpo).
Sul totalizzatore del totonomine Provveditori Regionali sono poche le caselle in neretto (confermati al 100%):
De Gesu dovrebbe andare in Calabria, Veneziano a Cagliari, Vaccaro a Potenza, Acerra, Bocchino o Salamone a Bari e una tra Di Paolo, Giuffrida e Rusteni dovrebbe assumere l’incarico di Provveditore del Lazio.
Tutta da giocare la partita per la Direzione Generale del Bilancio, dove qualcuno sussurra di un incarico di consulenza allo stesso Giuliani, qualcun altro parla di un Tecnico proveniente dal Ministero dell’Economia e altri ancora ipotizzano la nomina dell’attuale provveditore di Genova Salamone.
Ad ogni buon conto, ribadisco che i soliti bene informati ci suggeriscono che questa dovrebbe essere la settimana delle nomine e noi, osservatori interessati, siamo qui ad aspettare gli eventi.
Del resto, il prossimo anno si vocifera di altri probabili pensionamenti (Cesari ?, Iannace ?, Faramo ?), Ragosa nel mese di dicembre e, subito dopo a metà 2012, la Culla, e noi saremo sempre qui a proporre la terza puntata del Dap prossimo venturo...
 
(... a proposito della Luigia Mariotti Culla, da non sottovalutare i rumors che la vedono in pole position per la sostituzione di Santi Consolo allorquando dovesse rientrare nei ruoli della magistratura).
 
Giulio Raimondo Mazzarino