www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 09/12/2010  -  stampato il 06/12/2016


Inaugurato a Pontremoli , provincia di Massa, il primo carcere minorile femminile italiano.

 

Con un progetto pilota, una struttura unica nel suo genere in Italia,  è stato inaugurato oggi il carcere minorile femminile di Pontremoli (Massa Carrara), alla presenza del capo del dipartimento di giustizia minorile Bruno Brattoli e del capo del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria  Franco Ionta.    L'istituto è il primo in Italia che accoglierà un'utenza di sole ragazze ed e' frutto della trasformazione della vecchia casa mandamentale per adulti, diventata poi un carcere femminile.
La struttura, che ricade sotto la competenza territoriale del Centro per la giustizia minorile (Cgm) di Torino, avrà una capienza massima di 16 posti e accoglierà le detenute minorenni del Nord Italia, provenienti dall'istituto Beccaria di Milano e dal Ferrante Aporti di Torino, per alleggerire il cronico sovraffollamento e coniugare al meglio le esigenze di sicurezza e di reinserimento sociale delle minorenni, in gran parte di etnia Rom'.     
L'istituto e' composto da quattro stanze con quattro letti ciascuna e una stanza singola per eventuali necessità di isolamento sanitario. Oltre alla sala mensa con cucina ci sarà un locale adibito a palestra e un'aula scolastica con biblioteca. Il personale, oltre al direttore, sarà costituito da tre educatori, tre assistenti sociali, una psicologa, un medico, due infermieri e due mediatori culturali. La sicurezza sarà affidata a 25 agenti della Polizia Penitenziaria.   
L'avvio del nuovo carcere secondo Antonio Pappalardo, dirigente del Cgm di Torino, e' stato possibile  grazie alla ottima collaborazione tra il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e il Dipartimento della giustizia minorile che ha preso in carico la struttura penale da alcuni mesi. Altrettanto positivo il coinvolgimento nel  progetto Pontremoli  delle istituzioni locali e delle organizzazioni del privato sociale e del volontariato.
 
Cesare Cantelli