www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 31/12/2010  -  stampato il 04/12/2016


Assegno di incollocabilitÓ

L’assegno, istituito con l’articolo 104 del DPR n. 1092/1973, compete ai mutilati ed agli invalidi per servizio titolari di pensione privilegiata per menomazioni ascritte a categoria compresa tra la seconda e l’ottava della tabella A, annessa alla legge n. 313/1968, che siano inabili al lavoro in quanto la loro infermità costituisce pregiudizio alla salute o incolumità dei compagni di lavoro o inadattabili per la sicurezza degli impianti. 

Quindi, non è sufficiente essere titolari di pensione privilegiata, ma occorre anche che l’infermità abbia le caratteristiche sopra specificate. 
Tale speciale assegno viene corrisposto fino al compimento del 65° anno di età. 
Dal giorno successivo, l’assegno in parola è sostituito con un assegno di importo pari alla pensione minima prevista dall’Inps.