www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 07/02/2011  -  stampato il 09/12/2016


Morti di serie A ...e morti di serie B. La lezione della livella di TotÚ

Dopo aver letto l’editoriale dell’amico Gianni, che mi ha citato in relazione al triste scomparsa di mia madre, non ho potuto fare a meno di intervenire sulla vicenda esprimendo la mia opinione.

Purtroppo, nonostante la mia ostinazione nel non volerlo credere, la mia Amministrazione ha dimostrato ancora una volta la propria insensibilità e la propria lontananza da noi poveri Poliziotti Penitenziari.
Infatti, io fino alla fine sono rimasto in dubbio sulla presenza o meno di una  rappresentanza del Corpo al funerale della mia mamma, non fosse altro che per il fatto che per sua sfortuna aveva sposato un Agente di Custodia e successivamente suo figlio aveva seguito le orme paterne.
Comunque, al di là della amarezza, resta la consapevolezza di avere avuto, e per me è stato molto importante, la presenza dell’amico Gianni, oltre a quella di tanti altri amici e tra questi cito tutti i colleghi di mio fratello Antonio che, da oggi, sono anche miei amici e dico loro che devono essere orgogliosi di appartenere ad un Corpo di Polizia dello Stato che conserva i valori del senso di appartenenza e di solidarietà.
A mio fratello dico che è stato fortunato ad avere vinto il concorso nella Guardia di Finanza, visto che all’epoca del concorso era ausiliario del Corpo degli Agenti di Custodia, almeno grazie a lui mamma ha ricevuto gli onori di un picchetto della Guardia di Finanza.
All’amico Gianni, per concludere, voglio precisare che i nostri dirigenti non sono interessati ai nostri morti perché non gli appartengono (anche se i nostri colleghi ne hanno fatti di picchetti d’onore a favore dei morti cosiddetti di serie A). 
A tal proposito non può non ritornarmi in mente ’A livella di Totò, della quale soltanto adesso riesco a capire il significato profondo. 
Per  tutti quelli che si illudono di essere diversi e superiori agli altri, in particolare per i nostri Altissimi dirigenti che in un attimo dimenticano i rapporti passati, e, soprattutto per quelli che non si sono degnati di fare nemmeno una telefonata di conforto a un vecchio Agente di Custodia in pensione e a un povero ispettore della polizia penitenziaria, consiglio seriamente di leggere attentamente la grande lezione del principe De Curtis.
 
Ogn'anno, il due novembre, c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno, puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.
St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.
'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.
"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del 31"
'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.
Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.
E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!
Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?
Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.
Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo, o è fantasia?
Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.
E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?
Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo...calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!
Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!
La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!
Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"
"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?
Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".
"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"
"Famme vedé... piglia sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...
Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".
"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".
"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella 
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.
'Nu rre, 'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?
Perciò, stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie ... appartenimmo à morte!"