www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 12/03/2011  -  stampato il 05/12/2016


Senza poteri di Polizia Stradale, zero rispetto nei confronti della Polizia Penitenziaria.

Il mio amico “Tenente a vita” non fa altro che lamentarsi; dice che l’altro giorno mentre era uscito con l’auto di servizio, con tante di insegne della Polizia Penitenziaria, si è visto affiancare da un auto alla cui guida vi era una ragazza che parlava al telefonino; la ragazza scambiando a prima vista l’auto con una della Polizia di Stato, ebbe un sussulto ma poi guardando bene la scritta “Polizia Penitenziaria” si rasserenò  in viso continuando a telefonare; aveva pensato: tanto non mi possono far nulla sono della penitenziaria……….

    Sempre durante il tragitto fu sorpassato da un ragazzo che impennava con lo scooter e senza casco che arrivato all’altezza dell’auto polizia penitenziaria fece un ghigno ironico come per dire: non mi potete far niente!
    Ed in effetti questa persone non hanno torto; se i nostri vertici ritengono che i compiti di polizia stradale non sono importanti per noi che da anni ormai facciamo servizi esterni e quindi siamo giornalmente a contatto di cittadini che perseverano nelle infrazioni stradali e che non hanno alcun timore quando scorgono un’auto della polizia penitenziaria che, invece, se ben motivata e dotata della giusta autorità e dell’armamentario per fare contravvenzioni lascerebbe dietro di se una scia di dolore.
    E forse solo con il dolore causato da una multa salata riusciremmo ad incutere timore misto a rispetto nei confronti della cittadinanza;
    In effetti ci sono cose più importanti della Polizia Stradale, ad esempio la costruzione di nuove carceri senza personale ed il saluto ai superiori.
 
Miguel Cervantes