www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 14/03/2011  -  stampato il 06/12/2016


ASTREA: Ottimo risultato in casa della prima in classifica, 1-1 con l'Aprilia.

Campionato Serie D – LND 2010/2011 (girone G) – 27^ giornata (10^ ritorno)

Aprilia, 13/03/2011 
 
APRILIA-ASTREA 1 - 1 (1-0)   
 
ASTREA:  Santarpia, Attardo (Braccani 30’ st), De Santis, Ripa, Sannibale, Pompili, De Santis,Giuntoli (Simonetta 10’ st), Narcisi (Muzzachi 8’ st), Di Iorio, Aglitti, Fantini. All. Luca Ripa   
APRILIA:  Pergamena, Franzese, Bianchi, Pietrucci, Galluzzo, Fratangeli (Rossini 23’ st), Esposito, Salese, Branicki, Foderaro (Di Maio 17’ st), Siclari. All. Castellucci  
 
Arbitro:  Abisso Rosario di Palermo  
Ammoniti:   Giuntoli, Fantini e De Santis   
Marcatori:   Foderaro 40’ pt, Aglitti 15’ st.  
Note:   400 spettatori circa. Angoli: 6 a 5 per l’Aprilia. Espulso Sereni dalla panchina per proteste.   
 
Ci sono giorni nel calcio in cui lo spirito che li anima prevale su ogni altra cosa: sui risultati, i punti ed i calcoli matematici che incoronano un numero uno due o dieci di una classifica, perchè quel che si vede è ben più profondo e tanto più vale di qualunque pensiero in avanti verso il futuro o sguardo indietro per un improvvido bilancio di stagione anticipato.
Ci sono giorni in cui un pareggio o anche una sconfitta possono essere delle vittorie se servono a ritrovare una squadra capace di lottare dal primo minuto fino all’ultimo, in cui le azioni di una partita ti restano in testa e te le porti a casa ripensando a quanto è stato bello essere lì ad assistervi perchè ciò che hai visto, oltre al calcio giocato,  non era altro che pura poesia.
Tutto questo è stata l’Astrea del week end che ci lasciamo alle spalle, dai giovanissimi alla prima squadra.
Ad Aprilia, seconda della classe per tornare solo per un attimo nell’assoluta razionalità dei numeri in classifica, l’Astrea di Luca Ripa ha colto un pari che non soddisfa i nostri per le azioni prodotte, per il gioco realizzato, per le grossolane sviste arbitrali subite, è bene sottolinearlo dopo che per lungo tempo ci siamo astenuti dal commentare anche le più grossolane, perchè estremamente grossolane sono state quelle che nel match pontino hanno negato, tra le altre occasioni, il gol a De Santis, con un assistente dell’arbitro che ha deciso di sbandierare per l’annullamento solo secondi dopo che la palla era già in rete, dopo un colpo di testa dal tempo perfetto, con la festa tra i tifosi e la panchina che si era accesa (invano).
Dai primi minuti, in un campo reso impervio dalla copiosa pioggia che si è abbattuta sulla città i biancoazzurri si sono mostrati combattivi e pericolosi. Al 17’ pt, dopo l’ennesima incursione in area avversaria, Di Iorio serve il nostro fantasista Giuntoli, quest’ultimo regala una deliziosa palla per Fantini, che prova una conclusione che finisce di pochissimo a lato del palo. Al 27’ pt Di Iorio guadagna una punizione dai venti metri in posizione vantaggiosa per il micidiale sinistro di Aglitti: il tiro ad effetto verso la rete viene intercettato da Pergamena e l’Aprilia può respirare ancora. Prima azione utile dei pontini è quella di Siclari al 32’ pt, che sfruttando un contropiede riceve il cross di Bianchi e impegna il nostro Santarpia in una parata in due tempi che può far ripartire i nostri senza problemi. Al 40’ pt Foderaro mette in rete la palla calciando verso il primo palo. I nostri però non mollano e cinque minuti dopo matura l’azione gol che ci è stata negata: Aglitti dal corner punta verso il bravo De Santis il quale insacca di testa ma l’arbitro vanifica tutto perchè il guardalinee  si è affrettato a segnalare che non era da convalidarsi dato che dalla bandierina al centro dell’area la sfera, seguendo una traiettoria ad effetto, sarebbe uscita.
Tutto da rifare, si va al riposo così.
Nella ripresa l’Aprila sembra voler cercare di chiudere il match. Ci prova al 5’ st con Branicki che con un colpo di tacco serve Foderaro in area che spara poi alto senza impensierire Santarpia. Al 15’ st è un Aglitti inspiratissimo a rispondere perentorio sfruttando una conclusione dal limite verso il primo palo che non perdona Pergamena, già graziato nell’occasione da un fallo di mano da rigore dei suoi non rilevato dall’arbitro. Uno a uno. Al 18’ st è super Fantini, autore di una partita da incorniciare a sfiorare di nuovo il palo  ed il raddoppio di pochissimo. Stessa sorte tocca a Di Iorio al 31’st dopo un cross di Simonetta intercettato davanti alla porta e finito poi alto. Per gli undici gladiatori in campo un punto che vale molto di più di quel che dice.    
 
Nel campionato juniores ugualmente un pari per gli undici di Miracapillo: Astrea –Zagarolo 0 a 0.    
 
Una nota di merito per l’impegno profuso va riservata anche ai giovanissimi provinciali di Mister Sambucini che, al secondo posto provvisorio, impegnati in un durissimo match contro la prima in classifica, la Roma Team, hanno sfoderato grinta ed impegno da vendere pur non riuscendo a vincere la partita. A loro va comunque riconosciuto l’onore delle armi: bravi lo stesso. Il risultato finale in casa è stato lo 0 a 2 per gli ospiti della Roma Team.
 
Lady Oscar