www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 15/03/2011  -  stampato il 05/12/2016


Le Guardie Carcerarie stiano fuori dalla stanza.

Molti colleghi si sono indignati quando qualcuno da questa pagine criticò aspramente l’idea di inserire nel contesto del calendario della polizia penitenziaria 2011 una serie di attori o protagonisti della televisione, insieme a poliziotti penitenziari, all’apparenza entusiasti dell’immagine che questi volti noti davano all’intero Corpo.

    Personalmente, fui molto aspro con tale scelta e non me ne pento. L’idea di inserire gente famosa in un contesto del quale nemmeno sanno come si chiamano i protagonisti del calendario, alla fine mi ha dato ragione.
    Nel mese di marzo, troviamo la signora Franca Leosini, una bella signora di 58 anni, giornalista, che di solito si diverte ad intervistare i criminali, che i nostri dirigenti a furor di popolo hanno voluto che prestasse la propria immagine per il calendario , ma che, leggo su Panorama del 24/2/2011 (cara assassina io non ti giudico ma tu confessati, a firma di Alessandro Milan), intervista i criminali (la Leosini) seduta ad 1 metro da loro e, per creare la giusta empatia ESIGE CHE LE GUARDIE CARCERARIE STIANO FUORI DALLA STANZA.
   Ora, i difensori del calendario potranno obiettare che l’autore dell’articolo non è lei e pertanto nulla possiamo imputare alla giornalista di Storie Maledette, ma è pur vero che ogni bravo giornalista, prima di mandare in stampa il proprio pezzo, credo lo faccia leggere all’intervistata, proprio per evitare che escano delle incongruenze dall’articolo; certo se l’ha fatto, allora è molto grave che la Leosini non sappia nemmeno come si chiamano gli uomini in divisa che la ospitano dentro i penitenziari; se il giornalista non gliel’ha fatto leggere prima, resta il rammarico di come a distanza di venti anni dalla riforma si continui ancora a chiamare guardie carcerarie i poliziotti penitenziari e di come fa girare le palle leggere che la Leosini esige che….. A casa sua forse potrà esigere ma non credo proprio che all’interno di un penitenziario la stessa possa esigere alcunchè!
 
 
Nuvola Rossa