www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 23/04/2011  -  stampato il 08/12/2016


In Turchia poca fortuna per le Fiamme Azzurre agli europei di judo

La prima volta della Turchia, che ad Istanbul dal 21 al 24 aprile ha ospitato il campionato europeo senior di judo, non ha portato troppa fortuna al judo azzurro e delle Fiamme Azzurre. Per l’occasione era stato riservato all’evento l’Abdi Ipekci Arena di Istanbul, palasport  da 12.500 posti che l’anno scorso fece il tutto esaurito in occasione della finale dei mondiali di basket vinti dagli Stati Uniti proprio sulla Turchia.  

La squadra scelta dal  DTN Felice Mariani per disputare il Campionato d’Europa è stata composta da Valentina Moscatt ed Elena Moretti nei 48 kg, Rosalba Forciniti (52), Giulia Quintavalle (57), Edwige Gwend (63), Erica Barbieri (70), Assunta Galeone (78), Lucia Tangorre (+78), Elio Verde (60), Francesco Faraldo (66), Giovanni Di Cristo (73), Antonio Ciano e Francesco Bruyere (81), Lorenzo Bagnoli e Roberto Meloni (90), Paolo Bianchessi (+100). Lo staff tecnico è stato composto da Felice Mariani, Dario Romano, Girolamo Giovinazzo e Alberto Di Mario. 

Le nostre quattro Fiamme Azzurre alla fine convocate dopo il raduno pre partenza dell’Infernetto, Francesco Faraldo,  Elena Moretti, Francesco Bruyere e Lorenzo Bagnoli non sono  purtroppo riuscite a conquistare medaglie in una rassegna che comunque, complessivamente, ha visto arrivare all’Italia solo due di bronzi con Elio Verde nei 60 kg ed Erica Barbieri nella gara femminile dei 70 kg. Nello specifico è andato subito fuori  Francesco Faraldo nei 60 kg maschili, eliminato dal forte polacco Tomasz Kowalski, nei 48 kg  femminili vinti dalla rumena Alina Dumitru che ha centrato il suo settimo oro europeo, Elena Moretti dopo aver superato la bielorussa Volha Leshchanka si è fermata di fronte alla russa Liudmila Bogdanova. Ventotto anni da compiere, Dumitru vanta anche un oro olimpico e tre bronzi mondiali, palmares fra i più prestigiosi delle atlete in attività, mentre Francesco Bruyere, negli 81 kg, dopo avere superato il cipriota Andreas Trikomitis, ha ceduto di misura contro il francese Alain Schmitt. Lorenzo Bagnoli nei 90 kg, nella giornata più magra degli europei individuali per gli azzurri, è stato l’unico italiano ad ottenere una vittoria, contro il britannico Purssey, prima di inchinarsi negli ottavi all’estone Minaskin così come ha fatto nella stessa categoria  il compagno di nazionale Meloni contro il russo Denisov, argento finale dietro al greco Iliadis. Domani la rassegna continentale chiuderà con le gare a squadre maschili e femminili, ma l’Italia non vi parteciperà e l’europeo per i nostri si conclude così.