<

Perugia, detenuto aveva un micro telefonino nella cella. Il dap annuncia skype per i detenuti

0
Share.
Prima di leggere l' articolo perdi un secondo e metti mi piace sulla nostra pagina facebook

Il cellulare scoperto dalla Penitenziaria durante una perquisizione all’alba
Nascosto nella sua cella, all’interno del carcere perugino di Capanne, un detenuto aveva un microscopico telefono cellulare con il quale comunicava con l’esterno. L’apparecchio è stato scoperto dagli agenti della polizia penitenziaria, guidata dal comandante di reparto commissario Fulvio Brillo, durante una perquisizione straordinaria effettuata all’alba. Il detenuto con il cellulare è un cittadino italiano, che è stato denunciato.

Intanto, il Dipartimento  in merito alle esigenze di affettività dei detenuti ha  fatto partire  un progetto pilota in tre istituti penitenziari dove verrà usato Skype e più in generale l’informatica. Ed entro sei mesi saranno installati oltre 450 pc in tutte le sezioni detentive. L’obiettivo è di metterne anche di più, ovviamente non nel 41 bis. Oltre a Skype verranno installati programmi come corsi di lingua, apprendimento, passatempi”. Lo ha annunciato il capo del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria (Dap), Francesco Basentini, durante l’Assemblea della Conferenza dei Garanti territoriali delle persone private della libertà.
“E’ stato dato l’indirizzo ai direttori di autorizzare i colloqui anche più volte a settimana – ha aggiunto – con i familiari ovviamente rispettando i protocolli di sicurezza”.

 

Leggi anche: Benvenuti ( o ritorno ) negli anni ‘70

Redazione

La tua opinione conta, lascia un commento
Commenta

 

About Author

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp