<

Arrestata la moglie di Salvino Madonia: teneva i contatti con i 41-bis per riorganizzare cosa nostra

0
Share.

Maria Angela Di Trapani aveva un compito preciso, quello di rifondare Cosa Nostra. Molti padrini sono morti, vedi Totò Riina, o sono troppo anziani, oppure sono in carcere, come suo marito, Salvino Madonia, il killer di Libero Grassi. E, dunque, era lei a dover prendere le redini degli affari di mafia nel mandamento di Resuttana, nel centro di Palermo. Appena uscita dal carcere, due anni fa, si è messa in moto. Figlia e moglie di mafiosi, maria Angela si è guadagnata subito il rispetto degli altri boss. La chiamano 'la padrona', senza timore, discute e si fa rispettare, 'come un uomo'. 

E' lei il tramite delle comunicazioni in carcere con i detenuti al 41 bis. Lei che coordina le relazioni che contano nell'organizzazione, – in un contesto territoriale di estorsioni a tappeto in cui quasi tutti pagano e di imprenditori contigui – è lei che gestisce il tesoro del mandamento, la voce che dà il via libera della famiglia alle nomine dei vertici dei clan. Sul campo, spietata e dura, si guadagna l'autorità del boss, tanto da far ì che i vertici di Cosa Nostra immaginassero per lei un futuro alla guida dell'organizzazione mafiosa.

tg.la7.it

About Author

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp