<

Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

0
Share.

Re – Giullare sali che devo parlarti.

Giullare – Maestà, giuro che non sono stato io! Non so di cosa si tratti, ma nego, nego tutto!

Re – Ma non ti preoccupare, è per una faccenda banale.

Giullare – Allora arrivo mio Signore.

Dopo mezz’ora.

Re – Ma che modi sono questi? Ti presenti dopo mezz’ora? Devo riaprire il Museo delle torture per te?

Giullare – No, per carità Sire … il fatto è che non mi sento bene. Ho fatto fatica anche a salire le scale.

Re – Ti vedo. Hai un aspetto orrendo. Sei più brutto del solito.

Giullare – Sto male. Ho febbre, nausea, un dolore che va e viene e sono giorni che non dormo.

Re – E proprio vicino a me dovevi arrivare?

Giullare – Mi avete chiamato Voi, Sire.

Re – Ho capito, ma se stai male, rimani nella tua stanza!

Giullare – Non posso Maestà.

Re – Come sarebbe a dire? Prendi un giorno di malattia, o una settimana se serve.

Giullare – Non posso. Nessuno può. E se poi arriva un controllo?

Re – Se arriva un controllo, controllerà. Stai male …

Giullare – A che ora arriva il controllo? Dove arriva? Chi controlla? Quale prova devo superare per passare il controllo?

Re – Farnetichi. Hai la febbre alta.

Giullare – No mio Signore. Sono tutte domande lecite. Viviamo in un tempo di gravi incertezze.

Re – Ma quali incertezza vai blaterando? L’Imperatore di Via Arenula ha fatto fare una legge apposita ad una sua vicina di Impero!

Giullare – E’ una legge poco chiara. Va interpretata.

Re – E infatti ho vergato un editto interpretativo di mio pugno in tal senso.

Giullare – Non basta. Il maniscalco ha scritto una sua circolare di senso opposto.

Re – Che c’entra il maniscalco?

Giullare – Non lo so, ma i controllori ora sono indecisi se applicare la legge, l’editto o la circolare.

Re – Possibile?

Giullare – Ormai tutto è possibile. Anche il fornaio ne sta scrivendo un’altra un po’ diversa.

Re – Ma questo che Regno è mai diventato?

Giullare – Pensi che uno dei prigionieri, mentre salivo le scale per recarmi da Voi, mi ha visto e ha preso un'annotazione. E se ora che torno mi ritrovo un provvedimento disciplinare per come salivo le scale?

Re – Ma non dire sciocchezze!

Giullare – Voi la fate facile Maestà, ma oggi per esempio, a che ora pensate di ritirarvi nelle vostre stanze?

Re – Beh, pensavo dopo il decimo canto del gal… Ma cosa mi fai dire? Cosa te ne importa a te?

Giullare – Attento Maestà. Si consulti prima con Donna Bernarda.

Re – Lo faccio già ogni giorno …

Giullare – Di più! Lo faccia ogni ora, per ogni questione! E si legga pure le decisioni che hanno preso i figlioletti dell’ortolano.

Re – Ma che vuoi che me ne importi?!?

Giullare – Fate come credete Sire, ma sappiate che prima li ho visti che giocavano a lanciarsi un cetriolo bello grosso e non sono molto precisi con i tiri …

 

 

About Author

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.