<

Commissione Antimafia: 41bis è insostituibile e convenzione tra DAP e Servizi segreti va riscritta, troppe ombre

0
Share.

Il regime detentivo speciale del 41 bis è "un insostituibile perno della legislazione antimafia.

E' quanto scrive la presidente della Commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, nella relazione conclusiva dell'Antimafia approvata nei giorni scorsi. "Cosa nostra è infatti libera di ridarsi un organismo decisionale centrale, e quindi una strategia comune, finora ostacolata dall'esistenza di un capo che, in carcere a vita al 41-bis, né poteva comandare né poteva essere sostituito. Andrà perciò attentamente monitorata la fase di transizione che si è formalmente aperta e che probabilmente subirà un'accelerazione a breve". Considerato che Cosa nostra, "nonostante l'azione incessante delle forze dell'ordine e della magistratura, mostra una straordinaria capacità di rigenerazione".

E tuttavia ad oggi circa 640 detenuti in regime speciale sono ospitati in strutture penitenziarie che, alcune più altre meno, non rispondono ai requisiti di legge. Lo rileva la commissione parlamentare antimafia, nella relazione conclusiva. Solo nel giugno del 2015 – si legge nel documento – "entrava in funzione il nuovo carcere di Sassari, mentre quello di Cagliari è ancora lungi dall'essere completato. Anzi, nel corso dei sopralluoghi svolti dalla Commissione si è potuto constatare che, mentre la struttura di Sassari risulta un istituto dedicato, idoneo ad ostacolare le comunicazioni interne tra detenuti appartenenti a diversi gruppi di socialità e ad assicurare un trattamento rispettoso della dignità umana, quella del capoluogo sardo, sebbene progettata allo stesso modo, si presenta pressoché abbandonata e in via di deterioramento".

Il penitenziario di Sassari può ospitare circa 90 detenuti in regime speciale e che lo stesso vale per quello di Cagliari quando sarà completato, per un totale di circa 180 posti idonei ad attuare il 41bis. Oltre al tema dell'invecchiamento della popolazione carceraria sottoposta al regime speciale e ai problemi che questo comporta, la relazione affronta il problema del "continuo aumento del numero dei soggetti in regime speciale" e afferma che questo "desta una certa preoccupazione": se non ci sono "gravi motivi di ordine e sicurezza pubblica", l'estensione considerevole del 41bis, può portare "l'implosione alla lunga, dell'istituto".

Infine l'Antimafia si sofferma sulla nuova convenzione stipulata nel giugno 2010 tra Aise e Dap per regolamentare lo scambio di notizie e di dati inerenti l'ambito carcerario e afferma che genera "alcune serie preoccupazioni". "Si sono infatti riscontrati spazi interpretativi che, anche solo ipoteticamente, potrebbero consentire una prassi applicativa non del tutto aderente alle intenzioni del legislatore ed essere causa di possibili menomazioni delle funzioni giudiziarie". La Commissione auspica che la convenzione venga, comunque, tempestivamente riscritta "per non lasciare spazio a nessuna ombra".

http://livesicilia.it/2018/02/21/cosa-nostra-e-viva-e-ha-consenso-piu-forte-dopo-la-morte-di-riina_934567/

Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis 

 

About Author

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp