<

Con il tatuaggio della farfallina non può partecipare al concorso pubblico: scatta il ricorso

0
Share.

Le ali colorate e spiegate in volo. Il tatuaggio di una farfalla sulla caviglia, per mesi orgoglio di una aspirante poliziotta, ha rischiato di farle svanire il suo sogno più grande, indossare una divisa. Superati i test, superate le visite mediche, la candidata, una trentenne romana, si è vista recapitare a casa la bocciatura dell’idoneità alla partecipazione al concorso. La commissione medica l’ha stoppata: esclusione categorica dal bando per l’assunzione di 1.148 allievi agenti del maggio 2017. Motivo: il tatuaggio in vista.

Il tattoo, con farfalla grande un palmo, sarebbe stato assolutamente visibile sotto la gonna d’ordinanza, che impone anche le calze chiare. E quindi in violazione delle prescrizioni pure della Gazzetta Ufficiale. Alla fine, però, la candidata, ha spuntato la battaglia contro il Ministero dell’Interno: il Tar gli ha riaperto le porte del concorso. «Il tatuaggio non è deturpante», hanno stabilito i giudici amministrativi, e inoltre non indica, per il suo contenuto, «una personalità abnorme». Per il caso era stata scomodata l’Avvocatura generale dello Stato contraria alla riammissione dell’aspirante agente di polizia.

Fonte:messaggeroit

About Author

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp