<

Detenuto tenta di strangolare un Poliziotto penitenziario nel carcere di Sollicciano: salvato dagli altri detenuti

0
Share.

Un agente della polizia giudiziaria del carcere fiorentino di Sollicciano è stato aggredito ieri da un detenuto che gli ha stretto il collo con le mani: solo grazie all'intervento di altri reclusi è riuscito a divincolarsi e a evitare di soffocare. È quanto denuncia in una nota il sindacato Sappe che parla di "ennesimo episodio di violenza" in un penitenziario della Toscana, "regione che ha ormai raggiunto l'allarme rosso".

L'aggressione è avvenuta quando l'agente, addetto alla IX sezione detentiva, ha aperto la cella per portare il detenuto dal sottoufficiale per una notifica. Lo stesso recluso negli ultimi mesi sarebbe responsabile di otto altre aggressioni agli agenti.

"Grazie all'inerzia della direzione – prosegue la nota del Sappe – continua a rimanere nello stessa cella e nello stesso reparto. Il personale è stanco di subire e soprattutto sfiduciato. Considerato che la direzione non si fa carico del problema, gran parte del personale operante al reparto penale chiederà nei prossimi giorni di essere sentita direttamente dal nuovo provveditore regionale".

Anche per questo "una delegazione del Sappe Toscana manifesterà a Roma il 19 settembre, in piazza Montecitorio, nella manifestazione nazionale di protesta che Sappe e gli altri sindacati della Polizia Penitenziaria hanno proclamato per denunciare lo stato di irreversibile abbandono nel quale è lasciato il corpo".

"Il sistema delle carceri non regge più", commenta il segretario nazionale del Sappe Donato Capece che aggiunge: "I 'professori' che conoscono il carcere solamente sui libri devono capire che le celle devono stare chiuse".

lanazione.it

About Author

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.