Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Accusarono ingiustamente di aver subito violenze in carcere dalla Polizia Penitenziaria: ora nei guai per spaccio di droga

Polizia Penitenziaria - Accusarono ingiustamente di aver subito violenze in carcere dalla Polizia Penitenziaria: ora nei guai per spaccio di droga


Notizia del 02/06/2016 - REGGIO EMILIA
Letto (1573 volte)
 Stampa questo articolo


In carcere e in tribunale sono già partiti gli interrogatori di garanzia.

Per due ore hanno parlato in carcere, davanti al gip Antonella Pini Bentivoglio, i due fratelli tunisini Maher e Hicham Rhimi (rispettivamente di 33 e 35 anni) che per gli inquirenti non sono figure di secondo piano di quest’organizzazione. Assistiti dall’avvocato Mattia Fontanesi, entrambi i nordafricani hanno ammesso alcune cessioni di droga, ma respinto con forza l’accusa d’aver costituito una vera e propria banda. La loro versione è: solo spaccio occasionale di stupefacenti ed un secco “no” all’organizzazione transnazionale prospettata dai carabinieri che in questa importante inchiesta sono coordinati dal pm Valentina Salvi.

Dopo gli interrogatori, il difensore non ha depositato istanze contro la misura restrittiva, non escludendo però di farlo più avanti. L’avvocato Fontanesi si è poi trasferito in tribunale dove sono stati sentiti altri due suoi assistiti tunisini, cioè il 45enne Ayachi Rhimi (fratello di Maher e Hicham, ma anche del 37enne Tarek che gli inquirenti ritengono ai vertici dell’organizzazione insieme alla moglie marocchina 23enne Zhor Essafi) e il 35enne Nasreddine Ferchichi. Entrambi hanno il divieto di dimora nel Reggiano. Il primo ha contestato le cessioni di “polvere bianca” che gli vengono addebitate dai carabinieri e nello specifico l’avvocato difensore ha fatto notare al gip Pini Bentivoglio che le 182 cessioni di droga ad una donna contestate a Rhimi sarebbero in realtà solo una, come la tossicodipendente ha dichiarato quando è stata sentita, in fase di indagini, dai carabinieri («Un solo acquisto da quell’uomo brizzolato con gli occhiali»). Per il legale un deciso ridimensionamento della posizione del 45enne, da qui la richiesta di revoca della misura restrittiva (sul punto il gip non ha ancora preso una decisione). Infine Ferchichi non ha voluto rispondere alle domande del giudice, verrà comunque fatto ricorso al Riesame da parte dell’avvocato Fontanesi per conto del 35enne.

I quattro fratelli Rhimi sono da sei anni ben noti alle forze dell’ordine, perché finiti in due vicende giudiziarie non indifferenti. Considerati i “padroni” dello spaccio di droga in centro a Reggio, hanno subìto dure condanne in primo grado, poi dimezzate in Appello.

Un processo ormai finito e presto per Hicham ed Ayachi si riapriranno le porte del carcere per concludere l’espiazione della pena. Sempre i quattro fratelli avevano accusato 14 agenti Polizia Penitenziaria per le botte ricevute in carcere alla Pulce fra la primavera 2012 e l’inizio del 2013: ma il caso è stato archiviato.

gazzettadireggio.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

7 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

8 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

9 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada

10 Danneggiò le auto dei Poliziotti nel parcheggio del carcere di Ancona: individuato grazie alle telecamere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Anche i mafiosi hanno fame