Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Agente "tradisce" la Polizia Penitenziaria per salami, vino e formaggi

Polizia Penitenziaria - Agente


Notizia del 11/05/2014 - TERAMO
Letto (4279 volte)
 Stampa questo articolo


Nel legarsi a quei camorristi si sarebbe accontentato di poco. Tanto che per introdurre droga in carcere per conto di un detenuto, in quel momento in permesso premio, si sarebbe venduto per salumi, formaggi, dolci e un po' di vino. Quasi un baratto, se non si fosse trattato di un'attività illegale.

A meno di un mese dall'udienza in cui un giudice dovrà decidere se accettare o meno la richiesta di patteggiamento a due anni e otto mesi avanzata dalla difesa di Giancarlo Arnoni, l'agente di Polizia Penitenziaria che nei mesi scorsi fu raggiunto da un'ordinanza di sospensione dal servizio perché accusato di aver fatto tutta una serie di favori ad alcuni detenuti ed ex detenuti del carcere di Castrogno, sulla vicenda emergono nuovi particolari. Che delineano un quadro inquietante della vita in carcere. A partire da quei legami tra l'agente e detenuti ed ex detenuti legati al clan dei casalesi e di quei «premi» ottenuti dell'uomo che in molti casi si limitavano a generi alimentari.

Almeno secondo la Procura di Teramo, che in quella stessa indagine ha indagato oltre ad una dottoressa, che avrebbe fornito falsi certificati ad Arnoni per consentirgli di assentarsi dal lavoro, anche il detenuto per conto del quale Arnoni avrebbe introdotto lo stupefacente in carcere. Ma andiamo con ordine. Il caso era scoppiato alcuni mesi fa, quando il procuratore Luca Sciarretta, sul cui tavolo era finito uno stralcio di un'indagine della Dda di Napoli, aveva chieso ed ottenuto la sospensione dal servizio dell'agente di Polizia Penitenziaria.

Perché dalle indagini, portate avanti anche attraverso l'ausilio di intercettazioni, era emerso come Arnoni, in più occasioni, avrebbe fornito ad un ex detenuto legato alla camorra e a parenti di alcuni detenuti informazioni sui trasferimenti di questi ultimi e su chi avrebbero trovato in cella. Da qui l'accusa di rivelazione dei segreti d'ufficio, al quale si aggiunge quella di procurata inosservanza della pena per aver favorito la latitanza di un pescarese che doveva scontare una pena definitiva di quattro anni e sei mesi. Latitante di cui Arnoni sarebbe riuscito ad avere il numero di cellulare, che avrebbe poi fornito ad un camorrista invece di avvertire le autorità. Ma non solo. Perché Arnoni è accusato infatti anche di corruzione, questa volta in concorso con il detenuto con il quale si sarebbe accordato per portare la droga in carcere.

Detenuto con cui «condivide» anche l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Accuse gravi, con Arnoni che deve rispondere in concorso con una dottoressa anche delle accuse di di falsità ideologica aggravata e truffa. La dottoressa, infatti, gli avrebbe fornito falsi certificati medici grazie ai quali l'agente si sarebbe assentato dal lavoro, percependo così indebitamente stipendio ed indennità di malattia.

E se per Arnoni la vicenda giudiziaria sembra ormai conclusa, anche se l'ultima parola sul patteggiamento spetterà adesso al giudice, per gli altri due indagati le indagini sono ancora in corso. E non è escluso che riservino altre sorprese.

iltempo.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE ABRUZZO
Statistiche carceri Regione Abruzzo







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?