Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Aggressori sessuali: arriva il progetto "SOFT" che ridurrebbe del 14% la recidiva

Notizia del 23/04/2012 - ROMA

Aggressori sessuali: arriva il progetto "SOFT" che ridurrebbe del 14% la recidiva

letto 2396 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

 Il progetto Soft, nato dalla collaborazioni di molte istituzioni a partire dall'amministrazione penitenziaria, dovrebbe servire a ridurre la recidiva dei condannati per reati sessuali; i detenuti che escono dal carcere rischiano reiterare il crimine e questo ha un costo per tutti. Il programma ha una durata biennale e dovrebbe servire a ridurre la recidiva di un 14%. Il primo esperimento si svolgerà su 400 detenuti presenti nelle strutture detentive e che sono stati condannati in via definitiva.

 
Il progetto Soft (Sex Offenders Full Treatment) è un progetto che si rivolge ai detenuti accusati di violenze sessuali e al loro trattamento durante la pena  presso le strutture detentive.
Questo progetto partecipa ad un bando della Comunità Europea ed è realizzato in collaborazione con il Garante dei detenuti del Lazio, i provveditorati dell'Amministrazione Penitenziaria del Lazio, della Campania, della Lombardia e delle Marche e con la Seconda Municipalità di Napoli, il CIPM di Milano e Napoli, La Sapienza di Roma e l'Università di Liegi.
Nell'arco di 3 mesi si saprà se il progetto è stato accettato e potrà procedere.
 
La recidiva degli aggressori sessuali
Gli aggressori sessuali, senza trattamento, che escono dal carcere hanno una recidiva superiore al 17% nel giro di 4 anni per arrivare al 30% nell'arco di 10 anni.
Secondo dei dati di ricerca, adottando questo progetto Soft, la recidiva si potrebbe ridurre dal 17% al 3,2%. 
In Italia, le donne che subiscono  violenza sono più di 1 milione, secondo una statistica condotta dall'Istat nel 2005; sempre secondo delle statistiche si ipotizza che l'11% di minori abbia subito abusi che generalmente vengono perpetuati tra le mura domestiche.
 
Il progetto avrà una durata di 2 anni ed interesserà ben 400 detenuti presenti in 8 carceri italiane. E' un progetto che intende lavorare sulla prevenzione dei reati attraverso un rafforzamento dell'autostima degli aggressori sessuali e ad un miglioramento delle loro capacità relazionali. Le figure professionali che attuerebbero il progetto sono di genere psichiatrico e psicologico ed è previsto anche un supporto farmacologico nei casi che lo richiedono.
 
Come funziona il progetto Soft
Soft si svilupperà in 5 differenti fasi:
- formazione degli operatori della durata di 3 mesi
- realizzazione di un programma pre-trattamentale della durata di 17 mesi
- realizzazione di una unità di trattamento della durata di 24 mesi
- controllo della qualità dell'intervento della durata di 10 msi
- diffusione dei risultati ottenuti con una durata di 9 mesi.
 
Quanto costa il progetto Soft carceri
Il progetto ha un costo pari a 630.000 euro ma dovrebbe servire a ridurre la recidiva dei predatori sessuali e quindi anche a ridurre i costi dell'Amministrazione Penitenziaria che dovrebbe accollarsi quelli legati da una nuova detenzione.
STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso imminente per 540 Agenti di Polizia Penitenziaria riservato ai VFP1 e VFP4

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

9 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

10 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 Riordino: tra formiche e grilli lamentosi

3 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Riordino vuol dire mettere ordine

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna