Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Ai detenuti va pagato l'intero importo previsto dal CNL: sentenza della Corte d'Appello di Roma

Polizia Penitenziaria - Ai detenuti va pagato l'intero importo previsto dal CNL: sentenza della Corte d'Appello di Roma


Notizia del 29/03/2014 - ROMA
Letto (2912 volte)
 Stampa questo articolo


Ai detenuti lavoranti deve essere applicato il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro della categoria di appartenenza. Lo ha stabilito la Corte d'Appello di Roma - sezione controversie di lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria - lo scorso 25 marzo accogliendo il ricorso presentato da due detenuti lavoranti delle carceri di Rebibbia Nuovo Complesso e Civitavecchia.

La notizia è stata resa nota dal Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni secondo cui, "quella della Corte d'Appello di Roma è una sentenza importante ancorché non definitiva, visto che manca ancora un grado di giudizio. I giudici hanno riconosciuto fondate le legittime istanze di due lavoratori ed hanno stabilito che i detenuti sono lavoratori come tutti gli altri avendo diritto alle stesse garanzie ed alla stessa retribuzione, sanando così una disparità di trattamento insopportabile data, a parità di lavoro prestato, solo dalla limitazione della libertà personale".

Il ricorso era stato presentato alla Corte d'Appello da due detenuti lavoranti. Il primo era stato impiegato come giardiniere dal 2002 al 2006 a Rebibbia Nuovo Complesso, l'altro aveva lavorato come spesino e addetto alla lavanderia nel carcere di Civitavecchia dal 2007 al 2010. Entrambi lamentavano di aver percepito compensi (la cosiddetta "mercede") inferiori a quelli previsti dal Ccnl, di non aver fruito delle ferie e di non aver percepito l'indennità sostitutiva e, infine, di non aver avuto il Trattamento di fine rapporto. In primo grado, entrambi i ricorsi erano stati respinti dal Giudice del Lavoro di Roma.

Nel giudizio d'Appello la Corte - dopo aver riunito i due ricorsi in un unico procedimento - ha riconoscendo accogliibili le censure alle sentenze di primo grado, ha stabilito che sono pienamente fondati i diritti dei due detenuti lavoranti, riconoscendo loro le differenze retributive fra quanto percepito come mercede e quanto, invece, previsto dal Ccnl di categoria, l'indennità sostitutiva per le ferie non godute ed il trattamento di fine rapporto. Il Ministero della Giustizia è stato, altresì, condannato a pagare le spese di giudizio.

"La Corte d'Appello di Roma - ha concluso Marroni - ha stabilito che il diritto al lavoro, sancito dalla Costituzione, ha lo stesso valore sia per i liberi cittadini che per i detenuti. È una sentenza importante che avrà riflessi in tutta Italia visto che, di fatto, la manutenzione ordinaria delle carceri del nostro Paese è affidata ai detenuti lavoranti. Ora vigileremo attentamente affinché l'inevitabile aggravio di costi per le casse del Ministero della Giustizia, legato a tale sentenza, non si traduca in una diminuzione delle opportunità lavorative all'interno delle carceri". 

Agenparl

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 I NAS dei Carabinieri chiudono la mensa del carcere di Terni

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 La protesta di Rebibbia: il Dap preannuncia trattativa sugli organici intra ed extra moenia

10 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però