Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Alcune testimonianze prima che Cucchi venisse preso in custodia dalla Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Alcune testimonianze prima che Cucchi venisse preso in custodia dalla Polizia Penitenziaria


Notizia del 05/11/2014 - ROMA
Letto (3356 volte)
 Stampa questo articolo


Quando la mattina del 16 ottobre 2009 Stefano Cucchi fu prelevato dalla Stazione dei carabinieri di Tor Sapienza per essere portato in tribunale per la convalida del suo arresto«notai aveva il viso gonfio e macchie sotto gli occhi. Gli domandai come mai e mi rispose che lo avevano menato suoi amici». Lo ha detto il carabiniere Pietro Schirone,sentito come testimone al processo per la morte del giovane romano. «Non credo sia stato pestato – ha aggiunto il militare – ma qualche schiaffo si. Certo è che il collega piantone mi disse che la notte Cucchi aveva dato fastidio perchè aveva sbattuto la testa contro il muro della cella, che avevano chiamato l’ambulanza e che lui non si era fatto refertare». Schirone ricorda Cucchi «zoppicante, ma non si lamentava. Mi disse che soffriva di epilessia. Credo che un mio collega gli diede una mano per salire le scale che dalle celle della stazione dei carabinieri portano all’uscita». Visione parzialmente diversa, quella del maresciallo Danilo Spinoso, sottufficiale dei carabinieri che vide Cucchi la mattina dopo in tribunale prima e dopo l’udienza di convalida dell’arresto. «Si vedeva che soffriva di anoressia, ricordo benissimo la sua magrezza – ha detto – ma non lasciava trasparire alcuna sofferenza». Indicazioni diverse dal collega con riferimento ai tratti somatici e all’incedere di Cucchi. Per Spinoso «aveva un leggero rossore intorno agli occhi e camminava regolarmente».

È uno Stefano Cucchi affannato e sofferente quello che si sente nella registrazione audio dell’udienza di convalida del suo arresto per droga, il 16 ottobre 2009, una settimana prima della sua morte all’ospedale ‘Sandro Pertini’ di Roma. Oggi, quelle parole sono state ascoltate in aula nel processo in corso davanti alla III Corte d’assise. L’inizio della registrazione è dettato dalle scuse di Cucchi davanti al gip seguito dalla frase «Non riesco a parlare bene». Subito dopo, le precisazioni: «Ho altri precedenti penali, però non per droga. Per prima cosa voglio dire che sono tossicodipendente. Compro il metadone, ma non vado al Sert perchè ho avuto discussioni con alcune persone e nun ce posso andà. Soffro di epilessia, celiachia e anemia». E quindi le dichiarazioni finali: «Mi dichiaro innocente – disse Cucchi – per quanto riguarda lo spaccio; mi dichiaro colpevole per quanto riguarda la detenzione».

«Trovai Stefano Cucchi disteso sul letto rivolto verso il muro e coperto fino alla testa. Mi disse: Non ho nessun tipo di problema, non ho bisogno del 118». È il racconto di un infermiere del 118 intervenuto il 16 ottobre 2009 nella caserma dei carabinieri di Tor Sapienza dove Stefano Cucchi, il giovane arrestato per droga durante quella notte e morto una settimana dopo in ospedale, era stato portato in attesa dell’udienza di convalida.L’ambulanza era stata chiamata proprio dai carabinieri perchè il giovane aveva accusato un malore. L’infermiere Francesco Ponzo è stato chiamato a testimoniare nel processo davanti alla III Corte d’assise della capitale. «Inizialmente riuscii a prendergli il battito e la pressione – racconta – erano normali. Quando tirai giù la coperta che lo copriva riuscii a guardarlo 3 o 4 secondi in faccia. Vidi sotto i suoi occhi un arrossamento. Gli dissi ‘Vieni con me, andiamo in ospedale, se vuoi parliamo’, ma lui rispose che non ne aveva bisogno. Per la mia insistenza, lui si irritò. Alla fine, andammo via». Sentiti oggi in aula anche il barelliere e l’autista dell’ambulanza.

romadailynews.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

8 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

9 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

10 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

4 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

5 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

6 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

7 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

8 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

9 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

10 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono