Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Allarme minori: fuori controllo anche nelle comunità di recupero

Polizia Penitenziaria - Allarme minori: fuori controllo anche nelle comunità di recupero


Notizia del 11/01/2018 - ROMA
Letto (643 volte)
 Stampa questo articolo


Allarme minori. Non solo in strada. Non solo durante le ore pericolose della cosiddetta movida. Non solo per i coltelli. Un nuovo episodio - dopo la gravissima "rivolta" da parte dei giovanissimi detenuti di Nisida - si è consumato in una comunità per il recupero dei ragazzini finiti nel circuito penale. Un nuovo caso è sul tavolo del procuratore capo dei minori Maria de Luzenberger, del presidente di quel Tribunale Patrizia Esposito, e del vertice del Centro giustizia minorile, Maria Gemmabella.

Due ragazzi che si ribellano alle " sanzioni" previste per chi viola le regole di chi sta in comunità. Due appena diciottenni che sbraitano, insultano, minacciano la direzione. Uno dei due è armato di un oggetto appuntito e sibila: "Questo te lo "appizzo" in testa". L'identità della struttura è tenuta sotto riserbo, ma sono già scattate indagini e "aggravamenti" delle misure per i ragazzi coinvolti.

L'assalto risale a giovedì scorso. Nei locali della comunità, poche ore prima, un ragazzo di diciotto anni, D., indagato per furto e in stato di custodia, viene trovato in possesso di un cellulare: è tassativamente vietato, gli operatori provano a sequestrarglielo, lui si oppone e si ribella. Anzi, attacca l'operatore: "Tu non puoi mettermi le mani addosso. È la parola tua contro la mia. Che mi fai?". Scatta la relazione, gli operatori chiedono un aggravamento della sua posizione. Poi, giovedì 4 gennaio scorso, quando è ormai chiaro che per quella ed altre violazioni D. sarà prelevato dai carabinieri e nuovamente condotto nell'istituto penale minorile - non solo per il gesto d'aver nascosto il cellulare, ma anche per altri atteggiamenti - la reazione si fa violenta.

A sostenerlo e a caricarlo, "secondo le logiche proprie del branco che mai avevamo visto ripetersi qui dentro" - sottolineano gli operatori - ecco un altro "ospite" della comunità, G. È anch'egli diciottenne, precedenti per rapina e spaccio. È quest'ultimo che afferra un punteruolo di ferro, lo brandisce contro i responsabili, scava solchi nel muro, di fatto tenendo in ostaggio la struttura, fino all'arrivo dei carabinieri. Che torneranno, appunto, dopo numerosi Sos inviati agli uffici giudiziari minorili che agiscono con tempestività: solo per riprendersi anche G.

I due ragazzi vengono condotti nuovamente in carcere: uno a Nisida, l'altro ad Airola. Resta la sequenza inquietante di violenza. Il segno di "una guerra continua", un conflitto "in cui gli operatori delle comunità non sono tutelati", e "vivono provocati da ragazzi che ormai hanno chiarissimi i loro diritti ma non capiscono minimamente quali siano i loro doveri". Sono giovanissimi, raccontano ancora i responsabili della comunità, "che ormai non accettano un freno, non vogliono divieti. Ma quel che è peggio, è che sentono di poter contare su una larga, diffusa sostanziale impunità. E i fatti, purtroppo, spesso danno loro ragione". Non a caso, la lettera dal tono allarmato inviata, giorni dopo, dalla comunità a tutti i vertici degli uffici ha un titolo eloquente: "Cronaca di un giorno di ordinaria follia". "Senza voler fare sociologismi facili, la violenza di questa generazione di ragazzi - scrivono i vertici della struttura, stimata e da tempo operante nel settore - per la totale assenza di regole e legami con la " tradizione" deviante della delinquenza comune e organizzata, può essere comparata solo a quella raccontata da film come Arancia meccanica". Parole pesantissime. Su cui riflettere.

La Repubblica

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Caos al carcere di Prato: detenuto picchia agente, fuoco nelle celle

4 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

5 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

6 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

7 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

8 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

9 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

10 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Carceri: procuratore aggiunto Potenza Basentini verso guida Dap

2 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

3 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Tempo di bilanci per il Ministero della Giustizia

6 In sezione comme a la guerre

7 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

8 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook

9 L’origine dei tatuaggi e l’implicazione del carcere

10 Sicurezza sul lavoro: il Documento di Valutazione dei Rischi