Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Alloggi per la Polizia Penitenziaria nella scuola di Magistratura a Scandicci

Polizia Penitenziaria - Alloggi per la Polizia Penitenziaria nella scuola di Magistratura a Scandicci


Notizia del 18/09/2012 - FIRENZE
Letto (3613 volte)
 Stampa questo articolo


Severino: «Questa è una delle poche belle giornate da ministro, per noi è un traguardo» Le giornate belle tra le giornate di un ministro sono veramente poche e questa è una di quelle». Lo ha detto il ministro della Giustizia, Paola Severino, nel corso della cerimonia per la consegna delle chiavi di Castel Pulci, la nuova sede unica della Scuola superiore di magistratura nel comune di Scandicci, alle porte di Firenze. Il ministro nel suo intervento ha sottolineato l'importanza di avere «una scuola unitaria» e quindi «una formazione unitaria» per i magistrati che qui studieranno materie come quelle «per il contrasto alla criminalità organizzata, alle varie forme di corruzione, ai nuovi sistemi informatici, all'internazionalizzazione e al modello della magistratura», il tutto senza trascurare il rapporto con le altre istituzioni della Giustizia.

«RAGGIUNTO IL TRAGUARDO» - Nel corso del suo intervento il ministro della Giustizia Paola Severino ha ricordato come la Scuola Superiore della magistratura sia un «traguardo» perseguito con tenacia dal ministero, che ha assunto il ruolo di motore trainante dell'avvio della Scuola dopo la nomina della componente consiliare del comitato direttivo disposta dal Csm nell'estate 2010. Ma anche un risultato ottenuto grazie all'impegno degli Enti locali e della Regione Toscana. Il tutto tenendo conto di analisi oggettive sui costi e i benefici, ha proseguito il ministro, anche per i servizi che verranno erogati nella sede di Castel Pulci a tutti i magistrati. In una parte dei locali della nuova sede della Scuola, nella foresteria, troveranno posto grazie a una convenzione anche alloggi per agenti della Polizia Penitenziaria.

LA STORIA - Sono costati circa 17 milioni di euro i lavori di restauro di villa Castel Pulci, sulle colline di Scandicci, alle porte di Firenze, le cui chiavi sono state consegnate simbolicamente al ministro della giustizia Paola Severino dal sindaco di Scandicci, Simone Gheri. Il complesso è ufficialmente la sede unica della Scuola Superiore della magistratura presieduta da Valerio Onida. Il complesso, i cui lavori di restauro iniziarono nel 2002, risale ai primi decenni del XII secolo e, come hanno ricordato il sindaco Gheri e il presidente della Provincia Andrea Barducci nel corso della cerimonia, ha fatto la storia di alcune note famiglie fiorentine prima di diventare, nel secolo scorso, una sede distaccata del manicomio fiorentino di San Salvi. Dalla chiusura del manicomio, nel 1973, Castel Pulci «cadde nell'oblio» ha ricordato Gheri per il quale oggi si può parlare «di un piccolo miracolo italiano».

L'aver dato una nuova e importante destinazione come quella della Scuola per i magistrati, ha detto il vicesindaco di Firenze Dario Nardella, anche lui presente alla cerimonia, «è un esempio di come si possano recuperare i nostri Beni culturali, oltre che la dimostrazione che la 'città metropolitanà qui è già una realtà». Particolarmente soddisfatto il presidente della Provincia Barducci convinto «che questa giornata premi il lavoro di tutti i tecnici della Provincia e delle istituzioni che hanno saputo lavorare insieme». «Con l'apertura di questa Scuola - ha concluso il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che ha garantito tutti gli arredi -Firenze e la Toscana si confermano sede importante della cultura giuridica» e diventano un riferimento per la formazione di tutti i magistrati.

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

8 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta