Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Altri nove mesi in carcere: condannato detenuto che aggredì Ispettore nel carcere di Viterbo

Polizia Penitenziaria - Altri nove mesi in carcere: condannato detenuto che aggredì Ispettore nel carcere di Viterbo


Notizia del 14/05/2013 - VITERBO
Letto (1677 volte)
 Stampa questo articolo


Aggressioni in carcere. condannato detenuto che procurò lesioni ad un Ispettore della Polizia Penitenziaria nel carcere di Viterbo.

Resterà in carcere nove mesi in più Diego Cantone. Sul 34enne napoletano già giudicato per l’omicidio del compagno di cella a colpi di caffettiera, pende una nuova condanna. Stavolta di lieve entità: nove mesi per le lesioni a un ispettore di polizia, che denunciò un’aggressione nel 2010.

Era mattina presto. Cantone era ancora detenuto al carcere Mammagialla di Viterbo, dal quale è stato poi trasferito per la sua irrequietezza fuori dal comune.

L’agente stava procedendo alla battitura delle inferriate. Cantone era in bagno. Appena ha visto l’ispettore lo ha minacciato. Dalle parole è subito passato ai fatti, avventandosi sull’agente penitenziario e colpendolo.

L’uomo ha riportato ferite lievi: cinque giorni di prognosi per qualche escoriazione alla fronte e alle mani. Ma la denuncia è scattata lo stesso e, da questa, il processo anche per resistenza a pubblico ufficiale. Accusa dalla quale è stato assolto.

Non è la prima volta che Cantone finisce a giudizio per reati commessi durante la sua permanenza in carcere.

Nel penitenziario viterbese, anni fa, avrebbe bruciato un materasso. Un gesto che ha dato luogo a un procedimento penale per danneggiamento davanti al tribunale di Viterbo. E’ solo uno degli episodi che hanno determinato il suo trasferimento: la direzione del carcere viterbese lo definiva “ingestibile”, così come i detenuti, che arrivarono a firmare una petizione in massa per mandarlo via.

Sempre in carcere, ma stavolta a Pavia, Cantone ha commesso il suo crimine più grave: l’omicidio del compagno di cella, fracassando il cranio di Bertoglio con cinquanta colpi di caffettiera.

Un atto "dovuto", per il detenuto, all’epoca 26enne. La vittima, il 57enne Ennio Bertoglio, era stato arrestato e condannato per abusi sessuali su minori. Un reato ignobile, nel codice d’onore dei detenuti, che prescrive di rendere la vita impossibile a chi si macchia di questa colpa.

tusciaweb.eu

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso imminente per 540 Agenti di Polizia Penitenziaria riservato ai VFP1 e VFP4

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

10 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 Riordino: tra formiche e grilli lamentosi

3 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Riordino vuol dire mettere ordine

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna