Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Anche i detenuti devono pagare le tasse: lo stato detentivo non giustifica gli inadempienti del fisco

Polizia Penitenziaria - Anche i detenuti devono pagare le tasse: lo stato detentivo non giustifica gli inadempienti del fisco


Notizia del 03/02/2015 - ROMA
Letto (1179 volte)
 Stampa questo articolo


Il personale impedimento derivante dallo stato di detenzione del contribuente non configura un caso di "forza maggiore" e non esclude, quindi, la punibilità per il mancato rispetto di obblighi dichiarativi e comunicativi. Questo il principio stabilito nella sentenza 708/01/2014 della Ctp Caltanissetta (presidente e relatore Lupo).

Davanti alla Ctp è stato impugnato un atto di contestazione di sanzioni: al contribuente (ditta individuale) veniva imputata l'omessa presentazione delle dichiarazioni Irpef e Iva (senza imposta dovuta); l'omessa tenuta delle scritture contabili, dei registri e dei documenti previsti dalle norme fiscali; la tardiva dichiarazione di cessazione attività ai fini Iva.

Nel ricorso il contribuente - dimostrando il proprio stato di detenzione nell'anno in questione (e in quelli precedenti) - ha invocato la causa di non punibilità prevista dall'articolo 6, comma 5, del Dlgs 472/1997, in base al quale "non è punibile chi ha commesso il fatto per forza maggiore".

Nelle controdeduzioni, l'agenzia delle Entrate si oppone alla tesi del ricorrente, sostenendo che la fattispecie oggetto del contendere non rientri nell'ambito della "forza maggiore". Secondo l'ufficio per forza maggiore si deve intendere una forza naturale (esterna al soggetto) che lo induce a uno specifico atto. Si configura in presenza di un evento che si sottrae alla volontà umana. I giudici nisseni hanno respinto il ricorso, facendo proprie le considerazioni dell'ufficio, negando per il caso di specie l'applicabilità della causa di non punibilità invocata dal contribuente. Secondo la Ctp, si può parlare di forza maggiore (e quindi di non punibilità) solamente in presenza di un evento, causato dalla natura o dall'uomo, che non può essere impedito, anche se fosse possibile prevederlo. Lo stato di detenzione non può rientrare nella nozione "atteso che gli atti e i comportamenti censurati non devono e non dovevano di necessità avvenire personalmente, ma potevano essere realizzati con le modalità e per il tramite di soggetti terzi quali professionisti abilitati, parenti, conoscenti, etc.".

Per i giudici di primo grado, quindi, il contribuente era sicuramente impossibilitato a esercitare l'attività imprenditoriale, ma avrebbe potuto adempiere ai propri obblighi dichiarativi e comunicativi, quanto meno avvalendosi di un delegato. Dalla materiale possibilità di rispettare gli adempimenti, dunque, discende la punibilità di chi non li ha rispettati.

Il Sole 24 Ore

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna