Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Ancora lontana l’’estradizione di Cesare Battisti, il terrorista che uccise il Maresciallo degli Agenti di Custodia Antonio Santoro

Polizia Penitenziaria - Ancora lontana l’’estradizione di Cesare Battisti, il terrorista che uccise il Maresciallo degli Agenti di Custodia Antonio Santoro


Notizia del 03/05/2015 - ESTERO
Letto (933 volte)
 Stampa questo articolo


Nonostante ci sia un giudice di Brasilia che ne ha ordinato l'espulsione, il caso di Cesare Battisti sembra ancora lontano da una soluzione definitiva. In un senso o nell'altro. Il giudice, la signora Adverci Mendes, sostiene che, secondo la Costituzione del Brasile, Battisti non può avere la residenza perché ha commesso reati di sangue in Italia e perché entrò nel Paese con un passaporto falso.

Il giudice, è qui sta la forza della sua sentenza, non ne chiede l'estradizione, proibita dal decreto presidenziale di Lula del 2010, ma l'espulsione verso uno dei due Paesi nei quali Battisti è stato residente prima di arrivare in Brasile: Messico o Francia. Decisione che non fa una piega, ma andrà sottoposta ad altri tre gradi di giudizio, Tribunale supremo compreso, cui Battisti per la legge brasiliana ha diritto di appellarsi.

Sembra evidente che alla fine del mandato presidenziale, cinque anni fa, respingendo la richiesta italiana di estradizione, Lula e i suoi consiglieri giuridici hanno combinato un gran pastrocchio, soprattutto per quel passaporto falso, grimaldello rimasto appeso per aria, che ora il giudice utilizza nella sua sentenza. E nello scenario bisogna ricordare che gran parte della magistratura brasiliana non ha mai accettato il modo in cui sì concluse temporaneamente il caso dopo che il Tribunale supremo, massimo organo giuridico del Paese, aveva sentenziato per l'estradizione, lasciando formalmente l'ultima parola al presidente per evitare un conflitto dì poteri.

All'inizio del 2011, grazie al decreto presidenziale, Cesare Battisti ha ottenuto un permesso permanente di residenza in Brasile. Poi ha avuto anche un lavoro, più o meno inventato, presso la sede del sindacato vicino al Pt, il partito di Lula, a San Paolo, Ma ora che il clima è cambiato, c'è aria di vendetta da parte della magistratura. La rete degli "amici" brasiliani dell'ex terrorista ha perso egemonia: Eduardo Suplicy, il senatore che lo aveva protetto e aiutato, ha perso il suo seggio e si è riciclato come assessore ai diritti umani nel governo comunale di San Paolo; Tarso Genro, l'ex ministro di giustizia che gli concesse l'asilo politico, ha perso le elezioni a governatore dello Stato di Porto Alegre; Dilma Rousseff, presidente in carica, disse a suo tempo che se la decisione fosse stata nelle sue mani avrebbe concesso l'estradizione; e, infine, l'ex presidente Lula, con l'esplosione dello scandalo dei fondi neri di Petrobras, l'holding petrolifera, ha ben altro a cui pensare. Intorno alla possibilità che si possa capovolgere un decreto presidenziale in Brasile la discussione è aperta.

C'è chi sostiene che la concessione della residenza discende automaticamente dalla decisione presidenziale e chi, al contrario, che una cosa è la "non estradizione" verso l'Italia e un'altra il diritto a risiedere nel Paese. Così l'ultima battaglia è servita. A risolverla sarà con ogni probabilità il Tribunale supremo. Ma chissà quando.

Venerdì di Repubblica

Estradizione Cesare Battisti, Orlando: pronti a rinnovare la richiesta

 

Uccise Maresciallo Santoro, Cesare Battisti potrebbe essere estradato in Francia o Messico

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa