Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Anziano sorpreso a tagliare le piante davanti al carcere: la figlia non riusciva a parlare bene con il marito detenuto

Polizia Penitenziaria - Anziano sorpreso a tagliare le piante davanti al carcere: la figlia non riusciva a parlare bene con il marito detenuto


Notizia del 12/10/2017 - BOLZANO
Letto (3179 volte)
 Stampa questo articolo


La calda e soleggiata domenica ottobrina ha richiamato moltissimi bolzanini sulla passeggiata del Lungo Talvera San Quirino. E lì, tra una chiacchiera e un’altra, tra la corsa di un bambino e il bacio di due fidanzatini, in molti hanno notato un anziano che si aggirava lungo la sponda del fiume con una grossa sega in mano.

E subito, alla centrale del 113, sono arrivate decine di preoccupate telefonate che segnalavano l’inquietante presenza. Sul posto è arrivata subito una pattuglia e, in pochi istanti, gli agenti hanno rintracciato l’uomo - un settantunenne italiano già noto alle forze dell’ordine -, intento a tagliare alcune piante a lato della passeggiata. Pochi metri più in là, una ragazza in piedi su uno sgabello comunicava a gesti con uno dei carcerati affacciato alla finestra. Ai poliziotti che gli hanno intimato di smetterla, il settantunenne, assai sorpreso dall’ordine dei poliziotti, ha candidamente spiegato che stava tagliando solo alcune piante per consentire alla figlia - la giovane sullo sgabello - di poter comunicare meglio con il marito recluso.

E proprio il marito, in quel momento, stava dando preziose indicazioni dalla cella su quali tronchi andavano tagliati perché impedivano una buona visuale. L’anziano ha tenuto a precisare che non aveva intenzione di tagliare tutte piante, ma solo quelle che era indispensabile abbattere. Sequestrata la sega, l’uomo è stato condotto in questura e denunciato per danneggiamento e per porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

altoadige.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE
Statistiche carceri Regione Trentino-Alto Adige







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”