Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Aperto il carcere di Oristano: ospiterà fino a 240 detenuti e 160 agenti penitenziari

Polizia Penitenziaria - Aperto il carcere di Oristano: ospiterà fino a 240 detenuti e 160 agenti penitenziari


Notizia del 12/10/2012 - ORISTANO
Letto (2746 volte)
 Stampa questo articolo


Oggi si aprono le porte del nuovo carcere di Oristano; qui sono stati trasferiti 120 detenuti ed il carcere potrà ospitare fino al doppio. Il trasferimento, da parte degli agenti di Polizia Penitenziaria, è avvenuto nella mattinata; l'organico sarà composto da 160 agenti penitenziari. (ndr)

Con il trasferimento di 120 detenuti da piazza Manno, è stato aperto questa mattina il nuovo carcere di Oristano, nella frazione di Massama. A regime, potrà ospitare 240 detenuti.

Il trasferimento dei detenuti dal vecchio carcere di piazza Manno, nel centro storico di Oristano, è iniziato all'alba. A bordo di autobus scortati da decine di agenti della Polizia Penitenziaria, gli "ospiti" del ministero della Giustizia sono stati accompagnati nella nuova struttura.

Le operazioni di trasferimento sono state completate intorno alle 10. A Massama ci sono per il momento 120 detenuti ma, a regime, la struttura potrà ospitarne il doppio. Previsti in organico 160 agenti di Polizia Penitenziaria, 80 in più rispetto al vecchio carcere oristanese.

Nelle prossime settimane saranno trasferiti a Massama alcune decine di detenuti pericolosi, così come previsto dal ministero della Giustizia

http://www.unionesarda.it/ 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SARDEGNA
Statistiche carceri Regione Sardegna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

10 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera