Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Arrestati i familiari del "bullo" del carcere di Trani: estorsioni ai danni degli altri detenuti

Polizia Penitenziaria - Arrestati i familiari del


Notizia del 07/11/2014 - BARI
Letto (2784 volte)
 Stampa questo articolo


Incredibile estorsione quella scoperta dai Carabinieri della Compagnia di Molfetta che hanno arrestato la moglie e la sorella di un boss di San Severo, detenuto presso il carcere di Trani. A portare alla luce la vicenda la denuncia della figlia di un 60enne, compagno di cella del boss, minacciato di morte qualora non avesse fatto consegnare alle donne 2.500 euro. Alla consegna, però, fissata al casello autostradale di Molfetta, si sono presentati i carabinieri che hanno arrestato le due donne con l’accusa di estorsione. Entrambe sono state messe a disposizione della Procura della Repubblica di Trani presso la locale casa circondariale. Il boss dovrà rispondere dell’accusa di essere il mandante dell’estorsione.

“Se non pago mi ammazza in carcere”

Secondo quanto ci viene riferito dai carabinieri del comando di Molfetta, il soggetto è Giuseppe Iacobazzi, classe ’79, già conosciuto all’interno del carcere perché “incompatibile” con altre persone: non riuscirebbe a convivere con nessun altro. Tutto è partito dalla denuncia della figlia della vittima, che ha segnalato le modalità di consegna e l’orario, dettagli che erano stati fissati durante il colloquio settimanale. Secondo la ricostruzione del 60enne, la richiesta della “tangente” sarebbe scaturita dalla necessità di recuperare le somme necessarie per pagare l’avvocato del presunto mandante. “Se non gli do i soldi – avrebbe detto la vittima alla figlia – mi fa fuori all’interno del carcere”. Lui è in carcere per reati gravi, l’altro, la vittima, per atti persecutori. Secondo le prime ricostruzioni, effettuate anche di concerto con la Polizia Penitenziaria, potrebbe esser stata creata all’interno della casa circondariale una organizzazione verticistica che si occupa anche di queste faccende, con tanto di “capi” e “bracci operativi”. 

Il “bullo” che arriva dal Far West di San Severo

Per gli inquirenti Iacobazzi sarebbe il “bullo” del carcere di Trani. Dove c’è lui, gli altri soccombono. Per questo è un “incompatibile”. A febbraio scorso, in pieno centro a San Severo, ha sparato 6 colpi di pistola calibro 6.35 contro il rivale (Giacomo Perrone) rischiando di colpire commercianti e passanti. Ad immortalarlo, le telecamere del servizio di videosorveglianza della città. I carabinieri lo hanno arrestato con l’accusa di tentato omicidio. Stessa sorte per Daniela Seccia, la moglie, secondo gli inquirenti responsabile di aver accompagnato il marito sul luogo dell’agguato, aiutandolo a fuggire dopo il ferimento. L’episodio di cronaca rientra nell’atavica diatriba tra le due famiglie per via del controllo degli alloggi popolari di via Mario Carli, da tempo definiti “Condominio Far West”. Nessuno, in quella circostanza, testimoniò. Ad essere determinanti furono le immagini delle telecamere.

immediato.net

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario