Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Arrestato a Brindisi il moldavo evaso da Padova dopo un permesso premio due mesi fa

Polizia Penitenziaria - Arrestato a Brindisi il moldavo evaso da Padova dopo un permesso premio due mesi fa


Notizia del 26/03/2013 - BRINDISI
Letto (1492 volte)
 Stampa questo articolo


Evasioni dal carcere: arrestato moldavo evaso dal carcere di Padova dopo un permesso premio.

Era evaso dal carcere di Padova circa due mesi fa e si nascondeva in una zona di campagna nei pressi di Frigole, dove è stato arrestato da agenti della Squadra mobile di Brindisi: si tratta del moldavo Serghei Vitali, di 29 anni, ricercato dal 21 gennaio scorso quando non ha fatto rientro nel penitenziario dopo un permesso premio. Sconta una condanna definitiva a 19 anni di reclusione per concorso nell’omicidio del connazionale Claudiu Puiu Bohancanu, compiuto il 9 marzo 2004 a Padova, nel quartiere Forcellini.

L’attività investigativa è stata coordinata dal Servizio centrale operativo. Al momento della cattura era armato con una pistola con colpo in canna. L’evaso è stato scovato in un quadrilatero, nei pressi di Frigole, in cui vi sono fabbricati bassi, aree adibite a garage per auto in disuso, appezzamenti di terreno coltivati, tutto circondato da mura alte circa due metri. È stato accerchiato e una volta vistosi braccato ha tentato inutilmente la fuga sui tetti. A Vitali è stata sequestrata una pistola marca Tokarev. Le indagini proseguono per accertare chi nel Salento gli abbia dato copertura.

ANSA

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

7 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

10 Infame spia degli sbirri: così è iniziato il tentativo di rivolta al carcere minorile di Milano


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

6 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

7 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

8 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

9 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera