Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Arrestato l''ergastolano evaso dal permesso premio due anni fa

Polizia Penitenziaria - Arrestato l''ergastolano evaso dal permesso premio due anni fa


Notizia del 22/05/2016 - ESTERO
Letto (1645 volte)
 Stampa questo articolo


Ci sono voluti due anni di indagini certosine e capillari da parte della polizia di Stato per catturare in Portogallo Filippo «Pippo» De Cristofaro, il 62enne ex maestro di ballo condannato all’ergastolo per l’omicidio nel 1988 della skipper pesarese Annarita Curina. De Cristofaro era latitante dal 2014 quando non era rientrato nel carcere di Porto Azzurro da un permesso premio pasquale a Portoferraio.

Due anni di analisi minuziose del passato del «latitante più importante d’Italia per reati non di mafia», secondo il questore di Ancona Oreste Capocasa, un detenuto già fuggito nel 2007 e rintracciato un mese dopo in Olanda, ma ciò nonostante beneficiario di permessi premio.

Quando gli agenti lo fermano, su un treno diretto da Sintra a Lisbona, De Cristofaro ha un aspetto «anonimo»: baffi, pizzetto, calzoncini. È molto diverso dal 34enne bruno e atletico, sceso dal catamarano “Arx” in un porto tunisino il 21 luglio 1988, sorreggendo Diana, l’amante bambina, 17enne, su cui avrebbe tentato di addossare la colpa dell’omicidio della skipper, uccisa con tre colpi di machete poco dopo la partenza dal porto di Pesaro il 10 giugno 1988, con l’idea di impossessarsi dell’imbarcazione e fuggire in Polinesia.

Il 28 giugno il cadavere sfigurato di Annarita era stato ripescato da un peschereccio al largo di Senigallia ed era partita la caccia all’ “Arx. Oggi Diana, 44 anni e tre figli, dice di essere «felice della cattura» in un sms al suo legale, l’avv. Marina Magistrelli, che racconta «lei ha ancora molta paura di lui».

Al setaccio degli investigatori i rapporti di “Pippo” con i compagni di cella negli istituti penitenziari di Ancona (città dove fu condannato in primo e secondo grado), Opera, Porto Azzurro e quelli fuori dal carcere. Ma c’è stato anche l’esame di giga e giga di frame di immagini riprese dalla videosorveglianza in città italiane e all’estero e, infine, delle tracce telematiche lasciate da De Cristofaro.

Fuggito da Portoferraio prima della scadenza del permesso premio, il 21 aprile 2014, la sua presenza è documentata a Civitavecchia, poi ad Ancona, Pescara, Bari, dove ha alcuni parenti e dove rimane tre notti. Forse progetta di andare in Albania, ma poi si sposta a Milano, dove ha altri congiunti e dove viene immortalato dalle telecamere della sicurezza in piazza Duomo.

Poi va in Francia, a Marsiglia, dove lavora per tre mesi come scaricatore. Infine, durante l’estate, l’approdo in Portogallo, prima a Lisbona, poi a 30 km di distanza, nella zona residenziale di Gamalares, vicino Sintra. Ma prima dell’arresto i poliziotti della sezione catturandi della Mobile sono andati anche in Ucraina, seguendo una falsa pista, e in Albania.

Non vengono elementi utili dall’Olanda, dove vivono la figlia Caroline De Cristofaro, nota giornalista, la ex compagna e complice Diana, e un altro amico, estraneo ai fatti, che era sul catamarano della Curina. La svolta per le ricerche del latitante arriva nell’ottobre 2015, quando gli investigatori individuano l’utenza di telefonia mobile di De Cristofaro, che usa il cellulare per chattare o comunicare via Skype.

«Pippo» aveva documenti falsi intestati a Andrea Bertone, prima ha tentato di negare la sua identità poi - raccontano - ha

fatto i complimenti ai poliziotti. Aveva anche circa 6.000 euro in contanti, sui quali si sta indagando, così come su eventuali complicità. «Almeno due» le persone coinvolte, tra cui probabilmente una donna. Forse voleva andare in Albania, oppure dedicarsi al commercio di diamanti in Africa.

ilpiccolo.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

6 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

7 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

10 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera