Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Arresti per calcio scommesse: i soldi finanziavano le famiglie dei boss in carcere al 41-bis

Polizia Penitenziaria - Arresti per calcio scommesse: i soldi finanziavano le famiglie dei boss in carcere al 41-bis


Notizia del 22/04/2013 - NAPOLI
Letto (1689 volte)
 Stampa questo articolo


 

Scommesse clandestine sulle partite di calcio per finanziare i boss in carcere al 41-bis e le loro famiglie.

38 le persone, ritenute affiliate al clan dei casalesi, arrestate dai carabinieri del Ros, nelle province di Napoli e Caserta, oltre che in Calabria, Puglia e Sicilia.

Le accuse sono di concorso esterno in associazione di tipo mafioso ed associazione per delinquere finalizzata all’esercizio abusivo di attività di gioco e scommesse. Delle ordinanze – disposte dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea – 15 sono in carcere, sei agli arresti domiciliari e 17 sono divieti di dimora nella regione Campania.

Documentata anche la manipolazione della visualizzazione di alcuni eventi sportivi, sulle piattaforme informatiche illegali, per orientare in modo fraudolento le vincite, ai danni di ignari scommettitori. Sequestrati anche beni per un valore di oltre 3 milioni di euro.

Coinvolta la fazione dei Venosa, che si serviva di ben quattro informatici, specialisti del web, ingegneri della truffa telematica. Di almeno 100mila euro al mese, secondo gli inquirenti, il ricavo ottenuto dal clan che destinava i soldi al sostegno dei familiari del bossi detenuti al 41bis.

Un business che rappresenta il “salto di qualità” dei casalesi, per il quale si erano consociati con il clan Mallardo di Giugliano (Napoli), svelato dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, tra cui Salvatore Venosa. Tra gli arrestati anche esponenti delle fazioni Iovine e Zagaria dei casalesi.
Gli ignari giocatori puntavano su serve paralleli e venivano truffati con l’alterazione dei risultati delle gare di calcio. Una manipolazione che avveniva soprattutto su eventi sportivi in Ecuador: gli scommettitori si fidavano dei risultati forniti dal terminale, se controllare la loro veridicità. In altri casi si assicurava una vincita anche non dovuta: si puntava anche sulle gare del Napoli, ma in questa circostanza la “passione” prendeva il sopravvento anche sugli interessi criminali. E la perdita, quindi, diventava vincita.

pupia.tv

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP