Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Attacchi hacker ai siti SAPPE: un arrestato a Livorno e altri indagati per gli attacchi informatici a siti istituzionali

Polizia Penitenziaria - Attacchi hacker ai siti SAPPE: un arrestato a Livorno e altri indagati per gli attacchi informatici a siti istituzionali


Notizia del 22/05/2015 - ROMA
Letto (1168 volte)
 Stampa questo articolo


Un arresto e alcune perquisizioni sono state effettuate questa mattina a Livorno nell'ambito dell'operazione antihackeraggio coordinata dalla procura di Roma nei confronti di un'organizzazione ritenuta responsabile di attacchi contro sistemi informatici di infrastrutture nazionali e siti istituzionali. L'operazione ha riguardato 3 regioni, tra cui la Toscana. Interventi della polizia anche a Pisa. 

L'uomo arrestato a Livorno se non è il capo di Anonymus in Italia poco ci manca, secondo quanto si apprende in ambienti investigativi. Il giovane, 31 anni, portuale, abita nella zona di Collesalvetti (Livorno) ed è stato bloccato grazie anche alla collaborazione dei poliziotti del commissariato Porto. Quando gli agenti sono arrivati a casa sua ha 'opposto resistenza' e lo ha fatto alla sua maniera, cercando di spegnere il computer criptato dal quale coordinava gli attacchi hacker condotti anche da altre persone. Il suo, secondo gli investigatori, è un ruolo apicale nell'organizzazione criminale e quando i poliziotti hanno bussato alla sua porta si è chiuso nel mutismo più assoluto: gli agenti hanno fatto però in tempo a salvare i dati criptati e a sequestrare il suo computer prima che riuscisse a spegnerlo rendendo complicatissimo poi il lavoro per accedere ai dati conservati nell'hard disk.

L'organizzazione di hacker colpita dalle forze dell'ordine nel tempo ha attaccato i sistemi informatici di importanti istituzioni ed infrastrutture critiche quali Corte Costituzionale, Presidenza del Consiglio, i Ministeri dell'Interno, della Giustizia, della Salute, dello Sviluppo Economico, la Procura della Repubblica ed il Tribunale di Torino (campagna NO TAV), la Polizia di Stato, l'Arma dei Carabinieri, le Regioni Veneto, Calabria, Piemonte, Equitalia, i sindacati di Polizia Coisp e Siulp e della Polizia Penitenziaria Sappe ed Osapp, ENI e Enel.

Recentemente, poi, il gruppo, che aveva diretto la propria attenzione ai sistemi informatici di EXPO 2015 fiancheggiando "virtualmente" i violenti scontri dello scorso 1 maggio e ieri, infine, i soggetti si sono resi responsabili di attacchi ai sistemi della Difesa, pubblicando dati sensibili trafugati dai siti istituzionali di quel Dicastero nell'ambito della campagna Antimilitarist.

E' di due arrestati e tre denunciati il bilancio dell'indagine coordinata dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo e dal sostituto procuratore Eugenio Albamonte della Procura della Repubblica di Roma e condotta dagli investigatori specializzati del Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche (Cnaipic) del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. I provvedimenti cautelari sono stati eseguiti nei confronti di due italiani: un livornese di 31 anni e un 27enne originario della provincia di Sondrio, vere e proprie "star" del mondo underground, noti rispettivamente con i nickname aken e otherwise.

Denunciati inoltre un 36enne originario della provincia di Torino (nickname h[a]te) e due giovani originari della provincia di Livorno, un 27enne e un 31enne. A loro carico, nel corso dell'indagine, sono stati acquisiti - sostiene la polizia - "concreti e inequivocabili elementi probatori che hanno permesso di ricostruire un complesso scenario criminale in cui gli indagati erano soliti muoversi per portare a termine ripetuti attacchi informatici ai sistemi di numerose amministrazioni pubbliche ed aziende private, dalle quali venivano illecitamente carpite credenziali di autenticazione (userid e password) ed altre informazioni sensibili, successivamente pubblicate sul web, attraverso veri propri canali social noti nell'ambiente".

ANSA

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?