Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Attentati contro musei e altre opere arte: collaboratore di giustizia le riferì mesi prima delle bombe del 1993

Polizia Penitenziaria - Attentati contro musei e altre opere arte: collaboratore di giustizia le riferì mesi prima delle bombe del 1993


Notizia del 26/06/2015 - PALERMO
Letto (1109 volte)
 Stampa questo articolo


"Alcuni mesi fa, durante un colloquio investigativo con il magistrato Alberto Maritati, parlai della possibilita' di attentati con bombe a musei e ad altri obiettivi di valore artistico". Questo affermava nel 1993 l'ex boss pugliese oggi pentito, Salvatore Annacondia. Oggi quelle dichiarazioni sono al centro della deposizione del collaboratore di giustizia al processo per la trattativa Stato-mafia.

Dopo Annacondia, nell'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo, sara' "ascoltato" anche Gianfranco Modeo, altro ex affiliato alla mafia pugliese. Annacondia, rispondendo alle domande del pm Nino Di Matteo in collegamento da una localita' protetta, ha sostenuto di avere appreso queste notizie quando era detenuto nelle carceri dell'Asinara e di Rebibbia. Annacondia ha iniziato a collaborare nell'ottobre del 1992. L'ex killer pugliese fu arrestato il primo ottobre 1991 e dopo essere stato recluso in varie carceri la notte della strage di via D'Amelio fu trasferito d'urgenza prima ad Ascoli Piceno e successivamente all'Asinara. 

"La colpa dell'inasprimento del regime di detenzione e di essere stati portati all'Asinara - ha detto oggi Annacondia - i detenuti la attribuivano a Toto' Riina e alla stragi volute dalla mafia siciliana".

L'ex boss ha parlato di se': "Io ho una nuova vita, ho due figli e sono fuori da tutto. La protezione e la sicurezza della Polizia che ti gestisce vanno bene ma la copertura dello Stato no. Se mi date garanzie che tv e giornali non faranno il mio nome rispondero'". Chiarito dal presidente della Corte di assise Alfredo Montalto che il collaboratore ha l'obbligo di rispondere, Annacondia ha affermato che un esponente di spicco della camorra gli parlo' di attentati contro il patrimonio culturale: "Disse che bisognava mandare un messaggio all'Italia che bisognava preparare gli attacchi a musei, chiese e opere d'arte. Una strategia stabilita all'Asinara da esponenti della camorra e esponenti mafiosi siciliani per fare abolire il 41 bis. A dirmelo, nel settembre 1992, fu Antonino Cucuzza, campano, del clan camorristico dei Giuliano", ha puntualizzato Annacondia, che sostiene di aver "messo a verbale" queste sue conoscenze l'undici agosto 1993.

AGI

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

10 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

5 Diventa anche tu Capo del DAP!

6 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

7 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum