Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Attentato al Magistrato Pierpaolo Bruni pianificato in carcere: "soffiata" al Commissario di Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Attentato al Magistrato Pierpaolo Bruni pianificato in carcere:


Notizia del 18/11/2014 - CATANZARO
Letto (3429 volte)
 Stampa questo articolo


Le cosche della 'ndrangheta pianificavano un attentato nei confronti del sostituto procuratore distrettuale antimafia di Catanzaro Pierpaolo Bruni. Dietro la pianificazione dell’attentato ci sarebbe stato un accordo tra le cosche più potenti delle province di Crotone, Catanzaro, Vibo Valentia e Cosenza, che rientrano nell’area distrettuale su cui opera Bruni. A svelare le intenzioni dell’attentato sarebbe stato un detenuto di 'ndrangheta, che avrebbe partecipato in carcere a Cosenza ad una riunione tra alcuni esponenti dei clan. 

Secondo quanto riferisce l’Agi, le rivelazioni hanno fatto scattare uno stato di massima attenzione, anche perchè nelle parole del detenuto sarebbero stati evidenziati riscontri concreti con riferimenti reali a posti e luoghi frequentati da Bruni, al tragitto lungo la strada statale 107 compiuto dal magistrato e persino sulla composizione della scorta. Una strategia che sarebbe stata messa in piedi dalle cosche più potenti, dunque, e che non avrebbero digerito l’attività del magistrato. Nello specifico, i riscontri investigativi condurrebbero proprio vero l'attività del pm antimafia che, solo nell’ultimo anno, ha portato oltre dieci esponenti di spicco delle cosche a regime del 41 bis. 

Tra questi provvedimenti, l’ultimo, che risale a pochi giorni fa, riguarda il presunto boss della 'ndrangheta di Cosenza Adolfo D’Ambrosio, il quale è stato sottoposto al regime del 41 bis nel carcere dell’Aquila. D’Ambrosio è ritenuto dagli inquirenti il reggente della cosca della 'ndrangheta dei Lanzino che opera a Cosenza e nelle zone limitrofe. Proprio dopo la notifica di quel provvedimento, era stata incendiata l’autovettura di un poliziotto penitenziario che avrebbe partecipato alle operazioni di notifica. A questi provvedimenti si aggiungono diversi processi seguiti da Bruni contro le potenti cosche calabresi, tra i quali le condanne di appello nei confronti dei personaggi che sarebbero stati al centro della faida del Cosentino nel 2000. Questa serie di azioni avrebbero fatto alzare il livello di attenzione intorno al magistrato, al punto che la ricostruzione del nuovo attentato pare non abbia sorpreso gli inquirenti. 

L’attentato, stando a quanto ha riferito il detenuto, sarebbe dovuto avvenire lungo la strada statale 107 percorsa dal magistrato per recarsi a Cosenza in occasione delle udienze di processi contro esponenti della criminalità organizzata. Il detenuto ha riferito anche che il magistrato sarebbe stato pedinato per scoprire i suoi spostamenti abituali.

La relazione fatta dal funzionario della polizia penitenziaria è stata consegnata al Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Vincenzo Antonio Lombardo, e sarà ora trasmessa alla Procura di Salerno, competente ad indagare sulle vicende che riguardano, in questo caso come vittima, i magistrati del Distretto di Catanzaro.

Il pm Bruni non è nuovo a intimidazioni e progetti di attentato da parte della 'ndrangheta. Da anni è in prima linea nella lotta contro la criminalità organizzata. A lui si devono numerose inchieste contro le cosche di Crotone, Vibo Valentia e Cosenza. 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CALABRIA
Statistiche carceri Regione Calabria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

5 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

8 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

9 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

10 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 La morte di Stefano Cucchi: la disinformazione continua