Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Attentato terroristico al museo di Tunisi sarebbe stato ideato nel carcere di Macomer

Polizia Penitenziaria - Attentato terroristico al museo di Tunisi sarebbe stato ideato nel carcere di Macomer


Notizia del 27/03/2015 - NUORO
Letto (2221 volte)
 Stampa questo articolo


Le prigioni nazionali, traboccanti di immigrati (che rappresentano il 40% della popolazione carceraria) come incubatrice di attentati jihadisti. In primis anche di quella di Tunisi, dove del resto avrebbe operato un terrorista capace di esprimersi in italiano. Una “pista” che getterebbe nuova luce sull’attacco al museo spesso frequentato da comitive di italiani, particolare questo non più casuale della vicenda. 

Intanto le autorità tunisine hanno arrestato il leader della cellula responsabile dell’attentato della settimana scorsa al museo del Bardo. L’annuncio è arrivato da Rafik Chelli, segretario di stato presso il ministero degli Interni, secondo il quale il commando che ha ideato e realizzato il piano sarebbe composto di 16 persone, di cui almeno due tunisini tornati in patria dai territori di combattimento in Siria a fianco dei jihadisti. Ognuno aveva un compito specifico come coordinare, fornire armi, preparare l’attacco. Ricostruire anche le relazioni internazionali di un gruppo che, come ormai assodato in tutti i luoghi dove compare la cosiddetta “Isis”, si manifesta sempre più come una multinazionale del crimine: contatti sono stati accertati con  il terrorista algerino ricercato Luqman Abu Sakhr, leader del gruppo militante Uqba ibn Nafi, che di recente ha anch’esso siglato un’alleanza con l’Isis per “esportare” il marchio di fabbrica ancora più a ovest nel Maghreb. 

Eppure, c’è quel sospetto alimentato dal noto giornalista Toni Capuozzo che vorrebbe un altro ramo di questa malapianta puntare dritto in Sardegna, a Macomer, in Sardegna. Dove, all’interno del penitenziario, la strage sarebbe stata ideata da fior di jihadisti finiti detenuti in Italia. La pista è stata anche approfondita ieri in Parlamento dal deputato sardista Mauro Pili, che ha dato nomi e cognomi degli ex detenuti coinvolti: chi proveniente dalla Spagna, chi dal Belgio, chi poi morto in combattimento in Siria, chi divenuto “colonnello” in Bosnia, chi coinvolto negli attentati di Madrid. Tutti con connessioni con tunisini “pericolosi”. Un inquietante risvolto, considerando che l’Isis sarebbe stato ideato proprio in alcune prigioni: Abu Ghraib e Guantanamo. C’è da aggiungere anche Macomer ai luoghi di nascita del Califfato del terrore?

ilgiornaleditalia.org

STATISTICHE CARCERI REGIONE SARDEGNA
Statistiche carceri Regione Sardegna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

3 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

4 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

5 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Cinque posti da procuratore DNA a Roma: concorrono anche Alfonso Sabella, Francesco Cascini e Calogero Piscitello


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario