Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Bisca clandestina nel carcere di Biella: detenuti pagavano debiti con sigarette e altri beni

Polizia Penitenziaria - Bisca clandestina nel carcere di Biella: detenuti pagavano debiti con sigarette e altri beni


Notizia del 09/01/2016 - BIELLA
Letto (1163 volte)
 Stampa questo articolo


Le celle trasformate in una poker room. Il carcere di Biella era diventato una sorta di bisca clandestina, con tavole verde, carte e fiches. Gli agenti della Polizia Penitenziaria hanno indagato per gioco d'azzardo dieci detenuti che nei mesi scorsi hanno preso parte a delle partite di poker con scommesse che venivano pagate, essendo vietata la circolazione del denaro all'interno della struttura, in stecche di sigarette e altri beni.

Il giro di pokeristi detenuti è stato scoperto durante il pagamento di uno dei “debiti“ di gioco: un detenuto in isolamento per ragioni disciplinari aveva cercato di far avere comunque la stecca di sigarette (che valeva più di 50 euro) ai due vincitori, con l'aiuto di chi distribuiva i pasti. Il passaggio è stato bloccato dalla penitenziaria che non ha ricevuto spiegazioni su questo tentativo
 e ha iniziato un lavoro di monitoraggio per capirne i motivi. Così è emersa la bisca, i detenuti si dividevano in gruppi di gioco e organizzavano diversi tavoli da poker: le poste perse venivano rimborsate oltre che con le sigarette con parti del vitto, pacchi in arrivo dall'esterno, ma anche soldi. A novembre ad esempio uno dei detenuti appena uscito mandò un vaglia di pagamento a un suo ex compagno che è proprio da rincodurre a una mano di carte andata male.

torino.repubblica.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

4 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

5 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

6 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

7 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

8 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta