Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
1993 i familiari dei boss detenuti scrivono a Scalfaro: ecco la lettera integrale


Polizia Penitenziaria - 1993 i familiari dei boss detenuti scrivono a Scalfaro: ecco la lettera integrale

Notizia del 13/07/2012

in Accadde al penitenziario

(Letto 2784 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Siamo un gruppo di familiari di detenuti che, sdegnati e amareggiati da tante disavventure, ci rivolgiamo a Lei, non per presentarci come persone che chiedono non si sa bene quale forma di carità o di concessione, anche perché abbiamo una tale dignità che ci consente di affrontare, a testa alta, qualsiasi tipo di problema, pagando, anche di persona, qualsiasi tipo di pena, ma ci rivolgiamo a Lei perché riteniamo che si è responsabili in prima persona, quale rappresentante e garante delle più elementari forme di civiltà.
 
Qual è il problema? Come, certamente, Lei saprà, in Italia esistono le carceri, dove vengono rinchiusi coloro che hanno sbagliato nei confronti della società “civile” o che hanno commesso reati di qualunque genere; a prescindere dal fatto se si tratta di persone colpevoli o innocenti, queste carceri servono per fare espiare le pene o, comunque, per recuperare chi ha sbagliato. Ora, o noi non abbiamo capito bene qual è la funzione delle carceri, o Lei non è a conoscenza di quello che succede nelle carceri italiane ed in particolare in alcune dove la Bosnia a confronto diventa un paradiso.
 
Per sintetizzare cominciamo ad affrontare quali sono le nostre difficoltà:
 
1) Sa quanto costa, per una famiglia di un detenuto, spostarsi da Palermo o dalla Sicilia per recarsi in qualsiasi parte d’Italia, per poter stare un’ora con il proprio congiunto? Lei se lo è mai chiesto?
 
2) Quante volte la settimana Lei cambia la biancheria intima? Quante volte alla settimana Lei o chi per lei cambia le lenzuola del suo letto? Quante volte in una settimana, o al giorno, Lei si cambia di abito? Lo sa Lei quanta biancheria, e solo biancheria, in un mese noi possiamo portare al nostro congiunto? Soltanto cinque Kg.; e si è mai chiesto con 5 Kg. di biancheria cosa si può portare? Per Lei possono essere banalità, ma noi crediamo che, per chi sta in carcere, queste cose assumono non solo grande importanza per l’igiene ma costituiscono un motivo per incominciare ad aver fiducia nelle istituzioni della Repubblica.
 
3) Altro problema, ancora più grave, e crediamo che Lei debba vergognarsi di essere il capo dello Stato, è che lo Stato permette ai secondini delle carceri ed in special modo a quelli delle carceri di Pianosa, di avere comportamenti uguali a quelli degli sciacalli o dei teppisti della peggior specie, nel senso che trattano i detenuti peggio di cani randagi, usando metodi della peggior tradizione fascista.
 
Tutto questo è vomitevole, vergognoso, indegno. I secondini sono tali o “bestie” o “killer dello Stato”? Loro fanno tutto quello che vogliono, maltrattando i detenuti e con l’alimentazione che “fa schifo” e con i maltrattamenti fisici (si lascia libera l’immaginazione). Ora, non ci venga a dire che non è vero perché nessuno dall’interno delle carceri verrà a confermarLe quella che è la realtà, considerando che le ritorsioni nei confronti di chi avrà l’ardire di lamentarsi sarebbero immaginabili. Immagino Signor Presidente che Ella, nei giorni di Natale, proprio quando tutta l’Italia veniva stretta dal freddo gelido, se ne stava al calduccio e si riguardava al massimo per difendere il suo corpo dal freddo (non considerando che al minimo accenno di raffreddore i migliori medici sarebbero accorsi); sa che nel carcere di Pianosa più fa freddo e più tolgono (poche per la verità) le coperte ai detenuti?; di riscaldamento manco a parlarne; i medici a Pianosa non si sa cosa siano.
 
Ora, se Lei ha dato ordine di uccidere, bene, noi ci tranquillizziamo, se non è così, guardi che per noi è sempre il maggior responsabile, il più alto rappresentante dell’Italia “civile” che, con molto interesse, ha a cuore i problemi degli animali, i problemi del terzo mondo, del razzismo, e dimentica questi problemi insignificanti perché si tratta di detenuti ovvero di carne da macello. Come puntualizzavamo prima, non chiediamo indulgenze particolari o grazie ma soltanto il rispetto di dignità di persone che, nella disgrazia, stanno pagando, senza battere ciglio, i loro debiti giusti o ingiusti che siano.
 
Per noi significa dare la possibilità ai detenuti tutti di sopportare la restrizione in maniera dignitosa, cioè avere la possibilità di incontrarsi con i familiari senza spendere un patrimonio, la possibilità di poter portare almeno, settimanalmente, la biancheria oltre al vitto ai detenuti; togliere gli squadristi al servizio del DITTATORE AMATO, dando dignità di detenuti ai detenuti.
 
Concludiamo scusandoci per la forma arrogante con la quale ci siamo presentati, distogliendoLa da problemi sicuramente molto più gravi e urgenti di questi. Noi ci permettiamo farLe notare che, continuando di questo passo, di detenuti ne moriranno, ma Lei non si curi di loro tanto, come dicevamo prima, si tratta di carne da macello. Per noi e per loro resta solo la consolazione che, un giorno, Dio che ha più potere di Lei, sarà giusto nel Suo giudizio; giudicherà tutti in base a come abbiamo visto Gesù, suo FIGLIO, nei fratelli (ammalati, carcerati, affamati, bisognosi ecc…).
 
Lei si è vantato tante volte di essere un autentico cristiano, Le consigliamo di vantarsi di meno e di AMARE di più. Non ci firmiamo tutti non per paura, ma per evitare ulteriori pene ai nostri familiari detenuti (e poi fanno lezioni di mafia!). Pensiamo, inoltre, che a Lei non interessano le firme quanto verificare e trovare i giusti rimedi. Al momento non crediamo che la volontà dello Stato che Lei rappresenta sia così civile nel dare una risposta adeguata. La sfidiamo a smentirci.
 
Palermo
 
Con osservanza
 
 
 
Leggi anche:
 

Monsignor Fabbri al processo Mori: il capo DAP lo scegliemmo noi su delega Scalfaro

Nicolò Amato: venni cacciato dalla mafia e Conso "commissariato" da Mancino

Trattativa e 41 bis, i verbali di Conso: "Scelsi Di Maggio al Dap perché andava in tv" 

L'ex dirigente del Dap Ardita al processo Mori: "Così son caduti oltre trecento 41 bis" 

Capriotti: “Revocarono il carcere duro e io non ne sapevo niente”. Quando Di Maggio aggredì Conso


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


FORSE NON TUTTI SANNO QUELLO CHE SUCCEDE NELLE CARCERI.
BE IO IN 30 ANNI DI SERVIZIO NE O VISTO DI TUTTI I COLORI,OLTRE AD ASSASSINARE I COLLEGHI CHE SVOLGEVANO IL LORO SERVIZIO, ED I VARI MALTRATTAMENTI SUBITI DAGLI AGENTI OGNI GIORNO. QUESTI EPISODI DEVONO ESSERE PUBBLICI TRAMITE STAMPA O TELEVISIONE CHE TUTTI DEVONO SAPERE QUELLO CHE ACCADE NELLE CARCERI.DI CARCERE E CARCERIERI VENGONO SPESSO RIPORTATI DAI MEDIA PER I PESTAGGI ,MORTE DEL DETENUTO O PER EVASIONE.
QUANTI I DETENUTI SALVATI DAGLI AGENTI X IMPICCAGIONE ?
QUANTI GLI AGENTI RIMASTI FERITI DURANTE IL SERVIZIO(VEDI COMO) QUESTO IL PUBBLICO LO SA . IL MINISTRO O CHI NE FA LE VECI QUESTI EPISODI LI SANNO.

DA UN PENSIONATO INCAZZATO. FORZA COLLEGHI
DA NICK

Di  NICK  (inviato il 15/07/2012 @ 15:06:27)


n. 4


Forse Scalfaro aveva dimenticato che i poveri detenuti che erano a Pianosa erano responsabili di centinaia di omicidi, di stragi e non ultimo dell'assassinio del nostro collega Montalto.
Forse Scalfaro non seppe mai che da Pianosa partì, dai poveri detenuti con una coperta sola d'inverno, una lista con tanti nomi di agenti di pol pen che dovevano essere uccisi?

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 14/07/2012 @ 21:28:37)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.142.229


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione