Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
41-bis, il pendolo dell''ipocrisia. Analisi di Nando Dalla Chiesa: la circolare del DAP dovrebbe essere ritirata con pudore


Polizia Penitenziaria - 41-bis, il pendolo dell''ipocrisia. Analisi di Nando Dalla Chiesa: la circolare del DAP dovrebbe essere ritirata con pudore

Notizia del 31/10/2017

in Primo Piano

(Letto 2742 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ho stima e considerazione del ministro Orlando, con il quale ho anche collaborato sulle mafie al Nord. Ma la libertà di giudizio è irrinunciabile. Specie nei tornanti in cui il vento è a sfavore.

La vicenda della “riforma” del 41-bis è una di queste.

Alla mafia il carcere non è  mai piaciuto, se non come residenza temporanea in cui accumulare potere e prestigio; luogo da cui dare ordini di morte, per brindare poi al loro successo. Figurarsi se poteva piacerle il carcere speciale.

E INFATTI per 25 anni non ha fatto altro che lavorare ai fianchi  questa “eresia”. Basta ricordare le centinaia di 41-bis revocati dal ministro della Giustizia Giovanni Conso nel 1993. E poi l’abolizione delle carceri speciali di Pianosa e dell’Asinara con il governo dell’Ulivo. Di cui i mafiosi detenuti in regime di isolamento furono informati prima ancora del parlamento. E poi le minacce ai parlamentari-avvocati inadempienti verso Cosa Nostra.

Finché nei primi anni duemila Ilda Boccassini notò che di fatto il 41-bis non esisteva più, tanto era stato annacquato. Sapemmo più di recente che nell’ora d’aria i capimafia al 41-bis riuscivano addirittura a tenere veri e propri summit: boss di camorra, ‘ndrangheta e Cosa nostra a consesso, a discutere di strategie di affari e di organizzazione.

Ricordo bene quando la Camera approvò la legge. Ricordo il ministro della Giustizia Claudio Martelli entrare in aula ancora terreo per le stragi delle settimane precedenti. E alcuni parlamentari spendere come certa l’opposizione di Magistratura democratica.

Vinse la rivolta morale di chi pensava che se qualcosa si doveva a Paolo Borsellino, il minimo era votare la legge che lui aveva voluto. Non per suo tic personale, ma perché, diversamente da tanti giuristi che ne discettano, lui conosceva bene la mafia, e il suo rapporto con il carcere. I boss non dovevano più comandare, non dovevano più essere in condizione di comunicare con l’esterno.

Fu un trauma, che per altro produsse una eccezionale fioritura di collaboratori di giustizia. Uomini d’onore ma non partigiani.

Ebbene, il destino sa apparecchiare i suoi scherzi.

Così proprio nel venticinquesimo anniversario della morte di Falcone e Borsellino Borsellino, quella legge viene irrisa, smontata. Senza particolari sensi di colpa. È la commemorazione senza memoria. Solo che gli eroi dell’antimafia non sono morti per ricevere medaglie e commemorazioni; sono morti per cambiare questo paese.

CHE INVECE li commemora e poi torna indietro, come un pendolo implacabile. Obbedendo alle celebri convergenze di interessi, le stesse teorizzate nel maxi-processo istruito dai due giudici. Interessi nobili e ignobili, ignoranze e consapevolezze, suggeritori sopraffini
e assassini impazienti; tutti all’opera mentre per mesi si giura che non si sta toccando niente.

Ha ben ragione Luigi Manconi, che (illudendosi) rivendica a sé questo risultato, a ricordare che il 41-bis non prevede un di più di afflizione ma un di più (il massimo, vorrei dire) di sorveglianza. Un carcere non duro, ma speciale. Non afflittivo gratuitamente, ma capace di evitare i collegamenti con l’esterno. Sicché non ha senso limitare i giornali. Ma ha molto senso non concedere, come si era incredibilmente arrivati a ipotizzare, i collegamenti Skype.

E avrebbe, ha molto senso, non concedere liberi contatti con folle di personaggi di nomina politica. O i contatti fisici tra i detenuti e i loro familiari.

La proposta di abolire i vetri divisori, almeno con coniuge e figli, era già stata avanzata durante la legislatura 2001-2006. E mi aveva persuaso, per puro istinto umanitario. Giuseppe Ayala, che era con me in commissione Giustizia, ci mise un minuto a gelarmi. E i mafiosi che danno ordini di morte non solo alla moglie ma anche al figlio bambino, sussurrandogli in un orecchio il messaggio che lo zio decodificherà al volo? Ci pensi? Combattere la mafia senza conoscere la mafia, appunto.

NELLA RICHIESTA di custodia cautelare nei confronti di Giusy Vitale (era il 1998) la Procura di Palermo rimarcò come il fratello Vito Vitale, profittando della possibilità concessagli di abbracciare i figli minori in carcere, “non ha esitato a sfruttarla a fondo, passando, oralmente, al figlio poco più che decenne, messaggi di fondamentale importanza per l’associazione mafiosa”. Strategie, estorsioni, soldi.

Basta rileggersi quell’atto per capire che Borsellino non aveva i tic. E che se non siamo un Paese di Pulcinella la circolare della “ri forma ” d ovrebbe essere ritirata con pudore. Chi può intervenire intervenga. E magari commissioni un bel monitoraggio sulle incredibili perizie mediche e psichiatriche che tengono lontano dal carcere decine di boss mafiosi.

Un bel bagno di realtà, occorrerebbe.

Tipo quello che è toccato fare alle vittime e a chi se le è piante. Mentre i boss brindavano in carcere a champagne.

 

di Nando Dalla Chiesa - Il Fatto Quotidiano 13 ottobre 2017

 

Giuseppe Lumia Commissione Antimafia: la circolare sul 41-bis firmata da Consolo va cambiata. Serve intesa tra Commissione Governo DAP

 

Skype per i mafiosi al 41-bis: arrivano puntuali le smentite, ma per i mafiosi in alta sicurezza come la mettiamo?

 

Carcere duro 41-bis: solo un penitenziario su 12 risponde ai requisiti previsti dalla Legge

 

Sottosegretario Gennaro Migliore annuncia alleggerimenti per il 41-bis. Il Fatto Quotidiano: governo dal carcere molle

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti con gastroenterite nella scuola di Cairo Montenotte: le analisi hanno appurato che era influenza
Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi
Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo
Record di sequestri di telefonini nelle carceri italiane. Aumento del 58 per cento nel 2017
Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione
Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà
Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi
Agenti intossicati a Cairo Montenotte: prime analisi confermano batteri nel filtro della cucina della scuola


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Quello che scrive Nando DALLA CHIESA, lo vivo da venticinque anni nelle sezioni 41 bis. Visto da dentro è tutta un'altra cosa! E' una vita che diciamo che devono essere tagliati i contatti con l'esterno, con qualsiasi mezzo!
Noi che viviamo con i boss, ci battiamo giornalmente affinchè i contatti non avvengano, ma i nemici verso il nostro lavoro, di sicuro non sono i boss.
Provate un po a pensare chi potrebbe essere?

Di  Guardia carcere  (inviato il 01/11/2017 @ 15:14:39)


n. 4


Non avrei mai voluto leggere questo articolo così realista, vero, duro e preciso. Non avrei voluto mai leggerlo prima da cittadino e poi da Poliziotto Penitenziario, perché rappresenta in poche parole l'indietreggiamento dello Stato nei confronti della criminalità organizzata. Uno Stato che ai propri vertici ha avuto - ed ancora ha - uomini collusi e contigui alle grandi consorterie malavitose. Persone senza scrupoli che pur di raggiungere il potere ed il benessere si sono legate a siffatti personaggi. Questa immonda ed indecente classe politica, ha prodotto questi risultati: lo smantellamento dello stato di diritto e la resa rispetto alla criminalità. Ma noi cittadini comuni non siamo esenti da responsabilità perché pur di beneficiare di qualche piccolo vantaggio personale abbiamo dato a il nostro voto a simili loschi figuri. Il cambiamento può e deve partire da ognuno di noi e non può non iniziare con una severa autocritica. Schiena dritta, spalle forti, spirito di sacrificio e rinuncia all'inciucio, alla corruzione, ai favoritismi, al nepotismo; questi dovrebbero essere i capisaldi per ripartire. Siamo capaci di adottarli? ????

Di  Tony  (inviato il 01/11/2017 @ 07:22:14)


n. 3


Dal mio punto di vista il Presidente della Repubblica con l'intero governo dovrebbero chiedere ai familiari delle vittime del dovere, se o no abrogare il 41 bis ai condannati.
Tutti gli altri politici e commissioni che oggi ci sono e domani chi sa dove saranno dovrebbero fare solo silenzio e portare rispetto per gli immolati paladini della democrazia.
Grande onore, rispetto e solidarietà per Nando DELLA CHIESA figlio di un caduto quale vittima del dovere.
cordialmente Crispino da Napoli

Di  Rosario  (inviato il 31/10/2017 @ 21:31:29)


n. 2


L'Italia non è il paese di pulcinella ma piuttosto il paese dove per mesi si è discusso della morte dignitosa del boss dei boss della mafia, dimenticando le stragi e il dolore che ha provocato. Per questo l'Italia non è un paese per persone oneste.

Di  Anonimo  (inviato il 31/10/2017 @ 20:13:52)


n. 1


Se hanno le P......... aboliscano il 41 bis e riaprano a Pianosa e all'Asinara per mafiosi e appartenenti a organizzazioni criminali.

Di  un vecchio AA.CC  (inviato il 31/10/2017 @ 15:19:51)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.227.6.156


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

10 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria





Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione