Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Abbiamo trovato un Giudice a Berlino? Pietro Buffa boccia le promozioni del corridoio magico


Polizia Penitenziaria - Abbiamo trovato un Giudice a Berlino? Pietro Buffa boccia le promozioni del corridoio magico

Notizia del 18/07/2016

in Dal buco della serratura

(Letto 10772 volte)

Scritto da: Il Realista

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Possiamo finalmente dire di avere trovato un “Giudice a Berlino”?

Sembrerebbe di si, visto che le scandalose promozioni per meriti eccezionali sono state fermate da una sola persona, l’unica che poteva evitare che l’amministrazione penitenziaria perdesse l’ultimo, flebile, barlume di decenza.

Questo Giudice a Berlino sembrerebbe essere il Direttore Generale del Personale, quel Pietro Buffa “demansionato” a Capo del Personale dopo che il Ministro lo aveva nominato (a voce) Vice Capo DAP, salvo poi  esser stato disarcionato dal più “esperto” Massimo De Pascalis.

Massimo de Pascalis è il nuovo Vice Capo DAP

Pietro Buffa è il nuovo Direttore Generale del Personale e delle Risorse

Il Dap prossimo venturo. Arriva Pietro Buffa alla direzione generale del personale: dirigente nuovo, ufficio vecchio

Contro ogni suo personale interesse, Buffa si è rifiutato di apporre la propria firma sulle promozioni, presumibilmente preoccupato di perdere la faccia di fronte a motivazioni che non rispondono alle previsioni normative e poco hanno a che fare con il buon senso e la decenza.

Per inquadrare meglio la vicenda, è necessario consultare il Decreto Legislativo 443/92, precisamente all’articolo 50, che recita: “Sulle questioni concernenti lo stato giuridico e la progressione di carriera del personale di cui al presente decreto esprimono parere specifiche commissioni … presiedute dal vice direttore generale dell'Amministrazione penitenziaria”. Infatti tutte le commissioni che si sono riunite il 5 maggio scorso, sono state presiedute proprio dal Vice Capo del DAP, Massimo De Pascalis.

Spuntano i verbali delle proposte di promozione per meriti eccezionali del "corridoio magico". La realtà supera l''immaginazione!

Dunque, rifiutandosi di apporre la sua firma per l’avallo dei decreti di promozione, di fatto, il Capo del Personale si è “messo contro” il Vice Capo DAP che, appena qualche mese prima, gli aveva “dimostrato” di godere di appoggi tali da poterlo sostituire sulla poltrona da Vice Capo, nonostante egli avesse già in tasca la nomina da parte del Ministro della Giustizia in persona.

Una semplice “ripicca”?

Non crediamo, ma se così fosse, il Capo del Personale si sarebbe “inimicato” pure il Capo DAP, considerato che tra le promozioni bloccate c’erano anche quelle a cui teneva lo stesso Santi Consolo avendo manifestato più volte il suo “personale apprezzamento”  per quei poliziotti che si sono occupati di mettere in piedi un’autofficina a Milano.

Intervento di Santi Consolo in Senato sulle forze di polizia ... ma lui parla di detenuti e rieducazione!

Chi glielo ha fatto fare, dunque, a Pietro Buffa di mettersi di traverso a Santi Consolo e Massimo De Pascalis? Se fosse solo una dimostrazione di forza o una semplice “vendetta” per la sua mancata nomina, sarebbe un vero e proprio “suicidio politico”, considerato il fatto che lo stesso De Pascalis è prossimo al raggiungimento della pensione … Secondo le logiche dipartimentali, sarebbe stato molto più proficuo, per Buffa, firmare le promozioni eccezionali proposte dal Presidente delle commissioni (alle quali anche il Capo DAP era interessato), attendere il pensionamento di De Pascalis e magari riceverne in cambio anche un appoggio per una sua eventuale ri-nomina a Vice Capo DAP.

La poltrona che scotta. Intervista immaginaria con il Capo DAP sulla scelta del suo Vice

Quindi le possibilità sono due: o Pietro Buffa non conosce l’antico proverbio siciliano “Calati juncu ca passa la china”, oppure siamo di fronte ad un Dirigente dello Stato che intende assolvere al suo mandato con rarissima onestà intellettuale, a discapito del suo personalissimo interesse e fregandosene delle eventuali ripercussioni da parte dei suoi due “superiori” ... che prima o poi potrebbero arrivare.

Non deve passare inosservato, infatti, che la mancata firma su di un atto già deliberato, deliberato oltretutto da una commissione presieduta da un “superiore”, anche se legittima (e in questi casi anche necessaria a preservare la faccia all’amministrazione stessa), è un evento che non si è MAI verificato prima al DAP, a memoria d’uomo. Il concreto rischio è quello di incrinare prassi consolidate nel DAP che prevedono appunto che i “giunchi calino la testa quando passa la piena …"

Quali saranno le “punizioni” per questo atto di “insubordinazione” commesso dal Capo del Personale? Lo vedremo nei prossimi mesi.

Per ora godiamoci questo fiero rifiuto del Capo del Personale di apporre la sua firma a dei provvedimenti di "promozione per meriti eccezionali"  inadeguatamente motivati.

Auspichiamo ora che al Capo del Personale arrivi l’appoggio di tutti quei poliziotti penitenziari che ogni giorno si recano al lavoro per svolgere con onestà e sacrificio il proprio compito al servizio del Paese, nonostante l’indifferenza e la mancanza di riconoscenza dei vertici del DAP.

 

La stessa mano pronta a firmare le promozioni del corridoio magico è presa dai crampi quando deve firmare per chi se le merita davvero!

 

 


Scritto da: Il Realista
(Leggi tutti gli articoli di Il Realista)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini
Andrea Orlando: il carcere di Sassari migliore della media nazionale, un carcere di qualità
Tre detenuti devastano una cella di Orvieto e feriscono un Poliziotto penitenziario
Porta hashish al figlio nel carcere di Viterbo ma viene scoperta dai cinofili della Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 10


Ho avuto, il piacere di conoscere il Dott. Pietro Buffa, una persona, buona, sincera e preparata, non credo che si farà mettere i piedi in testa così facilmente. La sua esperienza vissuta sul campo lo rende forte. Abbattere i muri omertosi del DAP che deve colloquiare con la periferia non imporsi d'autorità !!! penso sia la strada giusta che si debba percorre . Ricordatevi e ricordiamoci chi manda avanti " la carretta " , cioè i colleghi che lavorano all'interno degli Istituti e ai N.T..-Dott. Buffa buon lavoro e avanti così.

Di  LUI  (inviato il 20/07/2016 @ 19:18:02)


n. 9


"il paradosso di tutto questo è che ci si trova a dover difendere la legalità e la correttezza di chi si sta facendo portavoce delle posizioni della gente comune.. veramente complimenti caro direttore buffa!! Noi siamo con lei!"

Di  Isola di Favignana  (inviato il 19/07/2016 @ 08:01:38)


n. 8


"ciò che dovrebbe essere normale diventa ed appare una missione tanto impossibile quanto inverosimile... eppure questo dovrebbe essere un atteggiamento ordinario e non straordinario ed eccezionale..
Il fatto è che nella nostra amministrazione non ne siamo abituati.. ma siamo da sempre vittime della corruzione e dei favoritismi. Un plauso al dottor Buffa,che mi auguro interrompa la catena degli scempi da sempre protagonisti del nostro scenario lavorativo!"

Di  agente scelto SARO  (inviato il 18/07/2016 @ 21:58:14)


n. 7


Pietro Buffa una grande persona perbene!!

Di  Giuseppe Romano  (inviato il 18/07/2016 @ 21:49:20)


n. 6


"quello che dobbiamo augurarci fin d'ora è che questa mossa,assolutamente normale,sia la prima di una lunga serie di azioni che segnino l'inizio di una nuova epoca della nostra amministrazione, dove la meritocrazia e la legalità siano le uniche protagoniste della professionalità e delle progressioni di carriera di ciascun dipendente"

Di  FF  (inviato il 18/07/2016 @ 21:48:34)


n. 5


Finalmente!!! Incredibile ma vero!!!! quasi si stenta a crederlo ma è così!! E ne siamo orgogliosi...finalmente un gesto ed una presa di posizione degna di una Amministrazione Pubblica integerrima, che dà un esempio di reale e concreta trasparenza!!!
Bravo Pietro!!!!

Di  Anonimo  (inviato il 18/07/2016 @ 19:46:57)


n. 4


Finalmente un Pietro che su questa pietra edifica BOCCIATURE e non storture.
Sto godendo a leggere queste righe.
Gooodooo...si...si...si...go...god.......godoooo!!!....mhhh come godo!
Minch.....come godo picciotti!!!

Di  anonimo  (inviato il 18/07/2016 @ 14:26:30)


n. 3


Recentemente ho avuto, il piacere di conoscere il Dott. Pietro Buffa. Posso dire di aver conosciuto una persona, buona, sincera e preparata. Auguro al Dott. Buffa buon lavoro.

Di  Piermattia  (inviato il 18/07/2016 @ 12:05:01)


n. 2


Bene doitor buffa. Sappia che avrà sicuramente l'appoggio di tutta la gente per bene che lavora nelle carceri. Grazie per aver avuto il coraggio di dire no ad un sistema che ci sta annientando.

Di  Anonimo  (inviato il 18/07/2016 @ 11:54:33)


n. 1


Per evitare "cotanta" nefandezza circa l'emissione di taluni provvedimenti il cui percorso è tutt'altro che trasparente e, per non constringere pesone oneste come il dott Buffa a dover prendere decisioni che saranno ritenute "oltraggiose" da parte del ghota politico e amministrativo, basterebbe rendere nuovamente obbligatorio il controllo preventivo da parte della Corte dei Conti, la quale troverebbe inoltre una rediviva "ragion d'essere"........

Di  PASQUINO  (inviato il 18/07/2016 @ 11:42:48)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.212.136


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

3 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

4 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

5 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Cinque posti da procuratore DNA a Roma: concorrono anche Alfonso Sabella, Francesco Cascini e Calogero Piscitello


  Cerca per Regione