Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Ad un passo dal cielo olimpico Clemente Russo conferma l'argento di Pechino


Polizia Penitenziaria - Ad un passo dal cielo olimpico Clemente Russo conferma l'argento di Pechino

Notizia del 12/08/2012

in Fiamme Azzurre

(Letto 2371 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


La Fiamma Azzurra di Marcianise ,Clemente Russo, era giunto a Londra per migliorare il secondo posto ottenuto quattro anni fa a Pechino. Dopo quattro anni è di nuovo medaglia d'argento, esattamente come in Cina in occasione della sua prima Olimpiade. Allora pianse di delusione perla piazza d'onore, ad oggi questo risultato non può sembrargli più una disfatta dal momento che solo sei pugili italiani nella storia della nobile arte sono riusciti a ripetere il podio della massima competizione agonistica del globo. Clemente le ha provate tutte: ha lottato come sempre, chiudendo il primo round in vantaggio e cedendo solo alla distanza contro un avversario, il campione del mondo in carica Usyk, che si è dimostrato più fresco nel finale di un match che è stato in bilico fino all'ultimo.

Ad inizio della prima ripresa l'atleta della Polizia Penitenziaria ha affrontato l'avversario ucraino a viso aperto, senza il minimo timore reverenziale. Il primo round sorride all'atleta delle Fiamme Azzurre, che chiude sul 3-1 nei confronti del 25enne pugile ucraino testa di serie numero uno del tabellone olimpico. Nella seconda ripresa Clemente è meno pulito rispetto all'inizio dell'incontro e il campione del mondo indovina alcuni colpi potenti: Russo prova a lavorare ai fianchi l'avversario, ma Usyk tiene, riprendendo i due punti di svantaggio. Al termine del secondo round, il punteggio vede i due atleti sull'8-8.Nell'ultima ripresa l'ucraino, che Russo aveva battuto nei quarti di finale a Pechino 2008, è più fresco: i suoi colpi vanno a segno puliti, mentre quelli dell'italiano faticano un po' di più ad arrivare al bersaglio. Alla fine è 14-11, ma la sensazione che Tatanka se la sia giocata fino in fondo è già sufficiente per non fargli perdere il buonumore. Un argento, è sempre un metallo prezioso, il terzo della spedizione delle Fiamme Azzurre ad un giorno dalla conclusione dei giochi. Bravo Tatanka, anche senza l'oro sei e resti un atleta numero uno per costanza e forza.

 

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Nelle righe del mio commento hai letto da qualke parte che non sono orgoglioso dei miei colleghi del gruppo sportivo? Non mi sembra anzi il mio post voleva essere altro, e proprio l'evidenziare il Gruppo sportivo di appartenenza ci rende più uniti ed orgogliosi dei nostri atleti, e comunque l'intervista di Clemente Russo l'ho sentita tutta ed oltre a parlare giustamente della Sua famiglia, e di professionismo non ho sentito parlare di gruppo sportivo delle fiamme azzure, onore e complimenti a Eleonora Giorgi che l'ha fatto. Comunque nonostante questo nostro chiarimento voglio fare i complimenti agli appartenenti al Gruppo Sportivo delle fiamme azzurre presenti alle Olimpiadi ed anche a Clemente Russo che ha confermato l'argento.

Di  Il deluso  (inviato il 12/08/2012 @ 16:26:28)


n. 2


Caro deluso, mi spiace deluderti...tanto per fare un esempio, proprio ieri, nelle interviste del post gara della marcia, Eleonora Giorgi,  l'unica atleta della spedizione delle Fiamme Azzurre a cui è stato dato davvero ampio spazio in interviste televisive, su sky ha ringraziato le Fiamme Azzurre (è stato detto anche che sono il gruppo sportivo della Polizia Penitenziaria,  anche sul ring mentre combatteva Russo peraltro), solo dopo ha salutato il suo allenatore Perricelli ed in seguito la sua famiglia. " Gli atleti della altre forze di Polizia elogiano sempre il loro gruppo sportivo" sei sicuro?... io dai  vincenti di tutte le forze armate (forestale, fiamme oro, carabinieri, marina, aeronautica, esercito o fiamme gialle) tutti questi elogi non li sentiti invece: l'atleta che trionfa molto più spesso tende a parlare di sé o della sua gara, ma non perchè si scorda da dove viene, da chi percepisce lo stipendio o peggio si sente un  estraneo rispetto a chi presta servizio... Forse gli atleti degli altri gruppi sportivi hanno colleghi più orgogliosi di loro, questa può essere una differenza.

Di  Redazione  (inviato il 12/08/2012 @ 14:40:33)


n. 1


Una domanda me la pongo e la giro alla redazione, come mai gli atleti delle fiamme azzurre non spendono mai una parola per la Polizia Penitenziaria mentre gli atleti della altre forze di Polizia elogiano sempre il loro gruppo sportivo? Sarà che si sentono estranei?

Di  Il deluso  (inviato il 12/08/2012 @ 13:39:32)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.159.231.135


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione