Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Aggressioni ai poliziotti penitenziari: interrogazione parlamentare M5S, cosa intende fare il Ministro Cancellieri?


Polizia Penitenziaria - Aggressioni ai poliziotti penitenziari: interrogazione parlamentare M5S, cosa intende fare il Ministro Cancellieri?

Notizia del 13/08/2013

in Dal Parlamento.

(Letto 3100 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Interrogazione a risposta scritta 4-01634 presentato da VILLAROSA Alessio Mattia

testo diGiovedì 8 agosto 2013, seduta n. 68

VILLAROSA, CORDA, PAOLO BERNINI, BATTELLI, FICO, BUSTO, TOFALO e D'UVA.

Al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che:
il Si.P.Pe (sindacato Polizia Penitenziaria) ha più volte denunciato diverse aggressioni ai danni di donne e uomini della Polizia Penitenziaria consumatesi all'interno degli spazi contenutivi sia carceri che ospedali psichiatrici giudiziari (OPG). Tali atti offendono un corpo di polizia dello Stato che cerca di espletare al meglio un difficile e delicatissimo compito volto a contenere ed a rieducare il detenuto, nel caso del carcere, e a dare un aiuto all'internato nel caso degli ospedali psichiatrici giudiziari;
l'intero sistema penitenziario italiano appare impotente nel gestire questi eventi che possono pregiudicare l'integrità fisica nonché mentale dei poliziotti penitenziari. Numerosi sono gli eventi critici verificatisi negli istituti detentivi e negli ospedali psichiatrici giudiziari che denotano un allarmante fenomeno riportato da diverse testate giornalistiche;

2012, un internato dell'ospedale psichiatrico giudiziario di Barcellona P.G. stacca con un morso la falange della mano destra di un ispettore di Polizia Penitenziaria;

2012, un detenuto nel carcere di Parma prende a pugni un agente di Polizia Penitenziaria colpendolo al volto, prognosi di 10 giorni;

2012, un detenuto nel carcere di Spoleto procura la frattura del naso e dello zigomo ad un agente di Polizia Penitenziaria, prognosi di ben 75 giorni;

2013, un detenuto nel carcere di Napoli Poggioreale aggredisce due agenti di Polizia Penitenziaria che necessitano di ricovero in ospedale, trauma cranico uno e frattura di un polso l'altro;

2013, un giovane detenuto nel carcere di Udine aggredisce un agente di Polizia Penitenziaria con calci e pugni, anche in questo caso è necessario il trasferimento in ospedale;

2013, un detenuto nel carcere di Torino colpisce con un violento pugno al volto un agente;

2013, un detenuto e i suoi familiari durante un colloquio nell'area verde del carcere di Roma Rebibbia aggrediscono un agente di Polizia Penitenziaria;

2013, nel carcere di Vigevano un agente di Polizia Penitenziaria subisce l'aggressione di un detenuto che ha utilizzato una caffettiera posta all'interno di un calzino, l'agente viene colpito alla testa ed anche in questo caso è necessario il trasferimento in ospedale per le cure mediche;

2013, nel carcere di Sanremo, durante una protesta collettiva dei detenuti volta all'ottenimento dell'amnistia, un agente di Polizia Penitenziaria subisce una aggressione riportando ferite guaribili in 15 giorni;

i detenuti, autori e responsabili di tali atti, subiscono un processo penale ma, frequentemente, non sono in grado di risarcire il danno causato poiché nullatenenti. L'agente di Polizia Penitenziaria, invece, porterà con se il ricordo e le cicatrici di tali atti violenti, così come è accaduto all'ispettore di Polizia Penitenziaria dell'ospedale psichiatrico giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto che ha perso la falange della mano destra;

c’è da riflettere sul fatto che reparti detentivi contenenti oltre 300 detenuti debbano essere gestiti da un solo agente di Polizia Penitenziaria che oltre a non avere strumenti di prevenzione spesso non è nemmeno a conoscenza di piani strategici atti a garantire l'ordine e la sicurezza all'interno degli istituti;

l'amministrazione penitenziaria è tenuta – previa elaborazione di protocolli operativi dal contenuto normativo e tecnico – ad attuare una o più specifiche azioni tese a prevenire gli effetti dannosi sulle persone. Gli agenti di Polizia Penitenziaria operano quasi sempre in una condizione di emergenza e spesso le criticità, potenzialmente pericolose, vengono contenute grazie all'esperienza degli agenti stessi divenuti ormai abili professionisti della sicurezza sociale all'interno delle strutture carcerarie;

formalmente esiste un protocollo operativo, però, nella realtà dei fatti, in molti istituti penitenziari non si conoscono i programmi che individuano preventivamente le risorse umane, le apparecchiature, gli strumenti, i materiali, i ruoli, le competenze e i tempi per organizzare una strategia di reazione che sia immediata ed efficace;

va oltretutto segnalato che il datore di lavoro ha l'obbligo di adottare le misure necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei lavoratori e deve porre in essere tutte quelle procedure che di volta in volta si rivelino necessarie per tutelare l'integrità fisica e morale del lavoratore –:
se il Ministro interrogato, nell'ambito delle sue competenze, intenda assumere iniziative al fine di tutelare l'integrità fisica e la personalità morale degli agenti di Polizia Penitenziaria, spesso vittime del sistema penitenziario stesso che forse non riesce più a proteggere nemmeno i suoi operatori;

se sia a conoscenza del livello di attuazione dei «criteri di massima per la predisposizione di piani operativi di intervento locali e regionali», indicati specificatamente nella lettera circolare del D.A.P, n. 0312188 del 17 agosto 2011 e se tali criteri siano stati portati a conoscenza delle Direzioni degli istituti e degli operatori penitenziari. (4-01634)

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP
Ecco come avvengono i rimpatri degli stranieri clandestini e perché è così difficile attuarli
Andrea Orlando: il carcere non basta a garantire la sicurezza
Naso fratturato e denti rotti: Poliziotto penitenziario ferito da detenuto a Napoli Poggioreale
Infame spia degli sbirri: così è iniziato il tentativo di rivolta al carcere minorile di Milano
Ripetute proteste nella stessa giornata nel carcere minorile Beccaria di Milano
Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Tanto per far capire la mala gestione di alcuni dirigenti addirittura al DAP, che dovrebbe essere d'esempio per tutta l' Italia, nove ore di straordinario messe obbligatoriamente al recupero da parte di un dirigente, contro ogni normativa, ha scaturito prblemi fisici e psichici seri alla mia persona è sono stato costretto a ricorrere alle cure mediche. Il tutto sta costando allo Stato e quindi a tutti noi italiani migliaia di euro. Questo sicuramente è uno dei tanti danni prodotti da questi signori che percipiscono lauti stipendi e vengono spostati da un ufficio ad un altro senza alcun problema e continuano a produrre danni alle persone e alla finanza pubblica. Cari Sindacati svegliatevi.

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 18/08/2013 @ 15:20:56)


n. 4


Il problema non sono solo i nostri dirigenti che sono di nomina politica, ma è tutta la politica italiana. Ormai sono passati 7 anni dall'indulto e non hanno fatto un bel niente e noi siamo nella m.... fino al collo. Qui bisogna fare piazza pulita di politici mafiosi, corrotti e delinquenti e dirigenti contigui a questo malaffare poiché questi ultimi pensano solo ai loro ricchi privilegi pur di non stare in prima linea.

Di  anonimo  (inviato il 15/08/2013 @ 22:36:44)


n. 3


Anche questa interrogazione riceverà una risposta vaga. Il problema vero sono i nostri dirigenti. Che abbiano l'umiltà di presentare le dimissioni.

Di  Baldo degli Ubaldi  (inviato il 15/08/2013 @ 19:18:11)


n. 2


Che ne dite a farne fare una anche sui suicidi degli agenti e sul DAP che nulla fa per il benessere del personale?

Di  Poliziotto Penitenziario  (inviato il 14/08/2013 @ 20:59:42)


n. 1


siamo nelle mani di nessuno.

Di  anonimo  (inviato il 14/08/2013 @ 16:28:33)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.241.171


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

9 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

4 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

5 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

6 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

7 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

10 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma


  Cerca per Regione