Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Alla fine del 2011 un film sulla vita di Armida Miserere, la direttrice del carcere di Sulmona suicida nel 2003.


Polizia Penitenziaria - Alla fine del 2011 un film sulla vita di Armida Miserere, la direttrice del carcere di Sulmona suicida nel 2003.

Notizia del 28/04/2011

in Cesare Cantelli

(Letto 5981 volte)

Scritto da: Cesare Cantelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


 

Nell’autunno 2011 Marco Simon Puccioni girerà il film drammatico Come il vento, prodotto da A Movie Productions Spa, Intelfilm Srl, Les Films de L’Astre e interpretato da Valeria Golino.

 Il film racconta la vita di Armida Miserere, direttrice del carcere di Parma e le sue esperienze nei carceri di Lodi, Pianosa, Ucciardone e Sulmona, dove si suicida delusa dalla giustizia e dopo la morte dell’uomo amato, assassinato dalla mafia.

 

da Wikipedia:


Armida Miserere (Taranto, 31 maggio 1956 – Sulmona, 19 aprile 2003) è stata una dirigente d'azienda italiana.

 Genitori originari di Casacalenda, dove è cresciuta

 Armida Miserere fu una delle prime donne direttrici di carcere. Laureata in criminologia, figlia di militare, abituata a dare valore alla disciplina, consapevole della difficoltà e della solitudine che comportava un lavoro da "prima linea", iniziò la sua carriera a 28 anni nel carcere di Parma, e per vent'anni (gli anni difficili della mafia, del terrorismo, della P2), ricoprì l'incarico di direttore in vari carceri d'Italia: Voghera, luogo di detenzione delle terroriste "irriducibili", Pianosa in mezzo a boss mafiosi, l'Ucciardone a Palermo, poi Torino, Ascoli Piceno, Spoleto, Lodi, San Vittore a Milano, e infine Sulmona.


 Era una donna impegnata con serietà nel suo lavoro, tanto da essere spesso chiamata a risolvere situazioni in carceri difficili (v. ad es. alla Vallette di Torino dopo la fuga del detenuto condannato all'ergastolo Vincenzo Curcio); ma per la sua concezione intransigente del carcere si era fatta una fama da dura, tanto da essere soprannominata "la femmina bestia" (all'Ucciardone), o "il colonnello". In un'intervista rilasciata al settimanale "Io donna" nel novembre 1997 aveva chiarito le sue idee circa il ruolo del carcere, che deve sì recuperare il detenuto restituendolo poi "cambiato" alla società, ma deve comunque "essere un carcere e non un grand hotel". Nella stessa intervista, attirandosi molte critiche, aveva definito "boiate" i trattamenti risocializzanti, anche se in anni successivi aveva attenuato questo giudizio negativo, tanto da aver sostenuto percorsi di rieducazione come alcune edizioni di "IngressoLibero", in collaborazione con l'Associazione Sulmonacinema, e corsi scolastici da effettuare in carcere anche per i detenuti di alta sicurezza.

 Il 19 aprile 2003 Armida Miserere, questa donna dura, discussa, che incuteva timore ma anche rispetto e che godeva dell'amicizia di magistrati come Giancarlo Caselli e Alfonso Sabella, si uccideva con un colpo di pistola alla testa nella sua abitazione annessa al carcere di Sulmona. Accanto a lei solo il suo cane e sul letto la foto del suo compagno Umberto Mormile, educatore carcerario, ucciso in un agguato di camorra nel 1990 a Milano. Questo lutto l'aveva segnata per sempre, anche perché associato alla rabbia e all'angoscia di non aver potuto per tanti anni avere giustizia, pur avendo fin dall'inizio comunicato i suoi sospetti poi rivelatisi veritieri. I responsabili della morte di Umberto Mormile furono individuati solo 11 anni dopo, nel 2001, in relazione a un maxiprocesso contro ndrangheta e camorra a Milano, e il rinvio a giudizio alla Prima Corte d'Assise era stato fissato per il maggio 2003. Ma Armida si era già uccisa.
 
 
Cesare Cantelli

Scritto da: Cesare Cantelli
(Leggi tutti gli articoli di Cesare Cantelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Terrorismo: nel carcere di Poggioreale massima attenzione su detenuti
Mancano gli agenti nel carcere di Reggio Emilia: sindacato in agitazione
IPM di Airola. Polizia Penitenziaria sventa due tentativi di suicidio
Casa di Reclusione di Roma Rebibbia. Poliziotto Penitenziario aggredito da detnuto
E'' stato ritrovato il Poliziotto penitenziario scomparso venerdì
Carcere di Fuorni, Santi Consolo non mantine le promesse: la protesta dei Poliziotti penitenziari
Alcol e telefonino nel carcere di Mantova: erano in una cella occupata da detenuti Rom
Direttore del carcere di Busto Arsizio ammette le difficoltà: pochi Agenti ed educatori, ed è tornato il sovraffollaemento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


la vita è uguale per tutti, e comunque sempre onore a chi è in prima linea
dalla parte dello stato

Di  GIGI  (inviato il 05/05/2011 @ 13:57:53)


n. 3


Spesso i riconoscimenti al personale vengono dall'esterno,l'Amministrazione è troppo distratta a ricordarsi dei suoi caduti......

Di  Paolo  (inviato il 02/05/2011 @ 16:38:42)


n. 2


Finalmente un riconoscimento degno di questo nome ad una persona, primancora che ad un Funzionario rappresentante dello Stato, sempre in prima linea. Molto ma molto assimilabile, anche se con funzioni diverse ma non meno importanti, ai Giudici Falcone e Borsellino. Forse ha vissuto la stessa solitudine. Isp. Rico massimo.

Di  Massimo  (inviato il 01/05/2011 @ 11:26:54)


n. 1


Armida Miserere è morta suicida dopo avere dato tanto all'Amministrazione. E lo stesso è accaduto, purtroppo, anche per molti colleghi. Eppure, dire parlare o scrievere del disagio degli agenti sembra una cosa che non interessa a nessuno. Non a buona parte dell'Amministrazioje, che ci ha scritto circolari che nessuno in periferica applica (come il servizio di consultorio psicologico). Vergogna.

Di  Vero eretico  (inviato il 30/04/2011 @ 18:59:47)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.184.64


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

2 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

3 Giuseppe Simeone, sostituto commissario al Dap, 59 anni, stroncato da un infarto

4 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Carceri: se dura da 20 anni non chiamiamola emergenza, chiamiamola incapacità del DAP





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 E'' stato ritrovato il Poliziotto penitenziario scomparso venerdì

7 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

8 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione