Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Amnistia o Indulto. Il perchè di un qualcosa che non ci appartiene.


Polizia Penitenziaria - Amnistia o Indulto. Il perchè di un qualcosa che non ci appartiene.

Notizia del 27/08/2011

in Il caso.

(Letto 3113 volte)

Scritto da: Luca Frongia

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Negli ultimi giorni i media hanno dato molto rilievo ad un tema centrale nella vita del nostro paese: l’amnistia e/o l’indulto.

Molte forze politiche, capeggiate dai "secolari Radicali", hanno pensato bene di marciare il giorno di ferragosto rivendicando un atto di clemenza nei confronti dei detenuti ammassati nelle carceri italiane.

A tal proposito è stato divertente, ma anche preoccupante, notare come alcune sigle sindacali autonome e federate del Corpo, non abbiano esitato neanche un microsecondo a far proprie espressioni usate da trent’anni di lotta al sistema carceri da parte della pattuglia radicale che non vengono riscontrate per la maggiore tra il personale di polizia penitenziaria.

Gli autorevoli manifestanti, evocando lo spirito del perdono tipico del ferragosto, hanno chiesto un gesto di “buon governo” e di “clemenza”; noi invece sosteniamo con forza, nel giorno non solo di ferragosto così come tutti gli altri giorni dell’anno, che l’interesse primario dei cittadini è la sicurezza e che, chi ha commesso un reato, provocando gravi sofferenze ad altri, deve Pagare.

Questa non è assolutamente crudeltà nè tantomeno sete di vendetta, ma è puro e semplice rispetto nei confronti di chi ha subito furti, truffe, violenze e crimini ancor più gravi.

Aprendo le porte delle carceri otterremo solo problemi di gran lunga maggiori rispetto al sovraffollamento degli istituti: provocheremo sconforto nelle forze dell’ordine e nei magistrati che tanto si sono impegnati in nome della giustizia; faremo soffrire migliaia di persone che dopo il danno di aver subito reati, avranno anche la beffa di vedere i criminali passeggiare tranquillamente al loro fianco; ma cosa ancor più grave, manderemo il messaggio chiaro e limpido che in Italia l’unica certezza che c’è, non è quella della pena, ma quella dell’impunità.

Altro fattore, quello piu’ sconcertante che ci riguarda da vicino, come puo’ un organismo sindacale della polizia penitenziaria per di piu’ Autonomo (non giustifichiamo i federati, ma capiamo che seguono una linea guida della propria federazione)  scendere al fianco di una componente extraparlamentare che ha fatto della sua ragion di vita la lotta al sistema carceri e tutto quello che ruota attorno?...Secondo il nostro umile pensiero, è uno schiaffo a tutti quei colleghi aggrediti in modo vile e vigliacco da detenuti che non aspettano altro che sfogare la loro rabbia nei confronti degli operatori di polizia.

E’ senza dubbio condivisibile la constatazione delle non ottime condizioni dei nostri istituti carcerari, ma siamo sicuri che la soluzione a questo problema sia svuotare gli stessi istituti e ancora, perché dovremo schierarci per difendere le condizioni dei detenuti e non fare una vera iniziativa in favore degli operatori di polizia?...magari anche lo sciopero della fame e della sete ma almeno solo per le condizioni che vivono quotidianamente i poliziotti penitenziari? Ricordiamo, non molto tempo fa, che alcune donne e uomini della polizia penitenziaria attuarono uno sciopero del sonno altri della fame e altri ancora della sete. Ci chiediamo dov’erano questi signori che oggi appoggiano le misere condizioni dei detenuti?....compresi quelle OO.SS. che si sono schierate in favore dell’iniziativa dei radicali?

Cari amici e colleghi prima di scendere al fianco di chi lotta per un proprio e solo interesse, ragioniamo nell’interesse della collettività colpita da queste persone detenute, dalla collettività in genere e nell’interesse dell’immagine della polizia penitenziaria. Perché riteniamo e lo facciamo con fermezza che in alcun modo non debba essere associato la lotta di questa componente politica al corpo e agli operatori della polizia penitenziaria. Purtroppo con l’adesione di questi giorni da parte di alcune sigle sindacali quest’associazione è stata inevitabile! Infine noi siamo per le pene che siano inderogabili. Ovvero siano, come diceva Beccaria, quei sensibili motivi in grado di impedire agli uomini di compiere illeciti. L'amnistia No. Nessuno puo’ chiederla. Non lo si puo’ fare per giunta attraverso una forma di ricatto come quella che è stato attuato a ferragosto.

Perché qui non si parla di un bene che riguarda pochi. Qui si parla di un bene che riguarda tutti quanti: si chiama vita, e ha un valore immenso. Ha un prezzo, possiamo dire in una società civile come la nostra che paga tutto. Quel prezzo si chiama libertà! Va pagato fino all'ultimo minuto anche e soprattutto per chi è ha sbagliato e deve scontare la sua pena! , a favore della legalità e della sicurezza, contro ogni atto di finto moralismo e di falso buonismo.


Scritto da: Luca Frongia
(Leggi tutti gli articoli di Luca Frongia)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


sono pienamente d'accordo sulla certezza della pena, quando la stessa è data con la piena evidenza della prova...
i reati con queste prospettive sono una minima percentuale, la maggiorparte dei detenuti si trovano dentro per congetture e supposizioni e vengono condannati dalla giustizia con logica di convincimento; ciò si chiama ingiustizia, tra l'altro questi detenuti danno il vivere a voi e ad altri. un atto di clemenza è dovuto non solo per i detenuti ma anche per quei giudi e inquirenti che hanno commesso il reato di condannare un innocente.

Di  pietro  (inviato il 03/09/2011 @ 18:42:25)


n. 2


Caro @ "ex agente scelto" dov'è scritto che "la tolleranza zero" non paga? cita alcuni esempi? In italia ad onor del vero non c'è mai stata e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Ma a parte questo Frongia non parla affatto di intransigenza ne di tolleranza zero, bensi di tutt'altra cosa, di "GIUSTIZIA", un valore forse a te sconosciuto, Giustizia per le tante vittime, per tutte quelle persone che sono state truffate, derubate, violentate, stuprate e chi più ne ha più ne metta, che magari devono aspettare anni perchè questa arrivi per poi essere beffata da provvedimenti come l'indulto. Giustizia anche per tutti gli operatori di polizia e magistrati che quotidiamente lottano e rischiano la vita per veder poi vanificato il loro lavoro. Quello che credo di aver capito , ma che penso i più abbiano compreso, e che condivido in pieno del discorso di Luca Frongia è che il problema del sovraffollamento va affrontato con serietà, con vere riforme strutturali del sistema compreso il maggior ricorso a misure alternative alla detenzione per reati di scarso allrme sociale, ma MAI e poi mai con PERDONI generalizzati, che altro non sono che un fallimento per il nostro paese. Ultimo indulto "docet".

Di  Massimo Ceppi  (inviato il 28/08/2011 @ 13:10:27)


n. 1


Il tuo discorso mi sembra un po' semplicistico ed affrettato, non tanto per quanto riguarda la critica al comportamento degli altri sindacati, ma per l'intransigenza che mostri. La "tolleranza zero" non paga. E' un fatto storico ormai.

Di  ex agente scelto  (inviato il 27/08/2011 @ 15:47:06)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.129.169


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

8 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

9 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

10 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

8 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico


  Cerca per Regione