Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Amputazione delle dita e dei diritti: delle persone detenute e dei direttori penitenziari


Polizia Penitenziaria - Amputazione delle dita e dei diritti: delle persone detenute e dei direttori penitenziari

Notizia del 29/01/2016

in Houston abbiamo un problema

(Letto 2471 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Riceviamo e pubblichiamo per dovere di cronaca questo intervento dalla dott.ssa Antonella Tuoni, una direttrice penitenziaria, che si ricollega in qualche modo alla "minaccia" dei direttori penitenziari pubblicata ieri da L'Espresso: Direttori delle carceri minacciano sciopero e dimissioni di massa: sono contro il decreto di riorganizzazione della Giustizia

 

1990: un uomo uccide. E' psicotico. Viene dichiarato totalmente infermo di mente e condannato a scontare dieci anni in un ospedale psichiatrico giudiziario.

2015: gli ospedali psichiatrico giudiziari devono chiudere il 31 marzo.

2016: l'omicida psicotico è ancora ristretto in un ospedale psichiatrico giudiziario. Altri, più fortunati, forse, sono stati trasferiti nelle cosiddette residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza. Altri hanno reclamato poiché sono ancora internati in un ospedale psichiatrico giudiziario e, alcuni di loro, grazie a tale reclamo, vengono trasferiti nei pochi posti resi disponibili in fretta e furia dalla regione che non ha fatto quello che la legge le imponeva; lui, lo psicotico omicida,  no, non firma il reclamo, sta chiuso in cella, non esce quasi mai e, quando lo fa, sta prevalentemente da solo.

Alle tre del mattino chiama l'agente di servizio. Si è bruciato le dita del piede.

Le dita sono carbonizzate e gli vengono amputate.

Chiusura degli OPG: la solita messinscena che crea più problemi di quanti ne risolve

Contemporaneamente, è in corso la riforma del Ministero della Giustizia, come si legge anche sul sito. Gli Stati generali si sono riuniti (non si sa con quale esito) e alla vigilia di natale 2015 viene licenziato lo schema di decreto ministeriale che ridisegna il dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria; già nel giugno dello stesso anno, per effetto di un decreto del Presidente del Consiglio, tale dipartimento ha subito pesanti tagli. Viene stabilizzata la figura del direttore di istituto penitenziario 'viaggiatore', responsabile di due, tre istituti, a volte anche molto distanti tra loro. Inizia un concitato scambio di mail fra i dirigenti penitenziari: sono consapevoli della delicatezza del loro ruolo istituzionale di servitori dello Stato, ma sono stanchi di dovere esercitare tale ruolo senza un contratto, che aspettano inutilmente da dieci anni; contratto che non significa solo "retribuzione proporzionata alla quantità e qualità" del loro lavoro, come recita l'articolo 36 della Costituzione, ma anche chiarezza delle regole e meritocrazia; come possono loro serenamente assicurare il rispetto dei diritti nelle strutture di cui sono responsabili se sono loro stessi privati di tali diritti? Sono da rottamare, ormai tutto ciò abbia più di quarant'anni lo è e loro li hanno, considerato che l'ultimo concorso risale al 1997;  inondano di mail di dissenso l'indirizzo di posta elettronica del Ministro: quel decreto, secondo loro, peggiorerà le già precarie condizioni in cui versa il sistema dell'esecuzione penale, condizioni che i direttori condividono, oltre che con le persone colpite da un provvedimento restrittivo della libertà personale, con tutti i colleghi poliziotti ed amministrativi.

Anche io, dirigente penitenziario e prima ancora cittadino, come l'uomo che si è bruciato le dita in un ospedale psichiatrico giudiziario che dovrebbe essere chiuso, oggi, sono amputata.

I suoi diritti sono i miei diritti e chi non li rispetta  è responsabile della sua e della mia amputazione.

Ma questa storia, che è una storia vera, interessa a qualcuno che non ne sia il protagonista?

Firenze, 16 gennaio 2016

Antonella Tuoni

 

 

 


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Calma....
Che già fatichiamo così a farci riconoscere come colleghi dalle altre Forze di Polizia, nun ve ce mettete pure voi a complicà le cose, che de danni ne avete già fatti abbastanza.....

Di  PASQUINO  (inviato il 03/02/2016 @ 11:52:46)


n. 2


Dott.ssa Tuoni, da Poliziotto Penitenziario mi auguro vivamente, che vi dimettiate tutti in massa, meglio perdere tutti i Direttori oggi che un agente domani.

Di  Piermattia  (inviato il 30/01/2016 @ 20:22:03)


n. 1



Scusate ma........"colleghi poliziotti"......mi sembra un tantino arduo! Però è già un segnale positivo.
Però una cosa è vera.
Quando l'olio frigge e brucia anche per il padellaro, tutti i collaboratori della friggitoria, lo devono capire e COME PER MAGIA possono diventare anche "colleghi".
Certo, fare il direttore OGGI è impresa ardua, soprattutto se gestisci più di una sede (annessi i casi critici). Ma per il resto..............
Se c’è guerra di trasformazione è bene che ci sia per tutti ed a tutti i livelli!!!
Sarebbe ora che facessero dieci passi indietro, (lasciando crescere professionalmente anche i Commissari) e la smettessero con i piagnistei che non giovano a nessuno.
Un giorno un direttore, confidandosi con il ragioniere ed il comandante dell'epoca (io ero a poca distanza), si lasciò sfuggire alcuni commenti sulla propria vita.
Ad un certo punto disse...."forse non saprò guidare bene questa struttura, sarà perchè non ho mai conseguito la patente......"e rideva pure".
Continuò….”ho sempre avuto, sin da piccolo una persona che mi prendeva e mi lasciava a scuola e per tutto il resto, anche da grande”…. anche oggi è così”.
Però, non potendola guidare a pieno questa struttura, la posso "gestire" benissimo a totale mio piacimento....è vero signori?
E quei due ridevano, annuivano....quasi si genuflettevano!

Probabilmente ciò che accade oggi è l'esatto contrario di ciò che accadeva alla fine degli anni 80.
Forse.....e non credo di sbagliarmi......in questo periodo I DIRETTORI, iniziano a provare quella sensazione di PAURA di essere sfiorati, che mai si era prospettata o materializzata prima d'ora.

Noi invece.....ih ih ih ih..... siamo tranquilli.
Minc….se siamo tranquilli!!!
Non fosse altro, perché ci siamo sempre distinti per la naturale propensione ad adeguarci a tutte le novità, (ANCHE QUELLE PIU’ ASSURDE E SCONSIDERATE di questi ultimi anni).
NOI poveri samurai con in pugno le armi (si fa per dire), oltre che contadini operanti in una terra (i reparti detentivi), OGGI coltivabili più che altro attraverso i monitor. Infine "artigiani sopraffini" infaticabili 24h su24 delle attività di osservazione e trattamento rieducativo dei detenuti e degli internati. Siamo e saremo sempre i migliori, RIFORMA O NON RIFORMA....PASSAGGIO O NO AD ALTRI CORPI.
Comunque vada cari colleghi e direttori della Nazione, auspichiamo solo in futuro lavorativo/professionale migliore, proficuo e di crescita..... non solo per i soliti.
Non abbiate mai paura dei cambiamenti. Quelli se arrivano, servono quasi sempre a dare uno scossone positivo…..eh eh eh eh eh eh eh
Buona serata…..e che a Marònn c'assist!!!



Di  Ass.te Capo  (inviato il 29/01/2016 @ 18:42:33)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.159.189.139


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione