Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Ancora un suicidio: poliziotto penitenziario si impicca in casa a Marsala


Polizia Penitenziaria - Ancora un suicidio: poliziotto penitenziario si impicca in casa a Marsala

Notizia del 11/04/2017

in Memoria del Corpo

(Letto 4610 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Suicidio ieri a Marsala. Un uomo si è tolto la vita. Si tratta di un agente di Polizia Penitenziaria, che prestava servizio a Palermo. Aveva 48 anni, e da alcuni mesi soffriva di gravi problemi di depressione. L'uomo si è impiccato, ed è stato trovato dai familiari. Vani i tentativi di soccorso. 

Dal 2000 ad oggi oltre cento sono stati i casi di suicidio nel Corpo di Polizia e dell’Amministrazione penitenziaria. La scorsa estate, di fronte al caso di due agenti di Polizia Penitenziaria che, a poche ore di distanza si erano tolti la vita, il Sappe, il sindacato degli agenti, aveva dichiarato: “'L’amministrazione Penitenziaria non può continuare a tergiversare su questa drammatica realtà. Non si può pensare di lavarsi la coscienza istituendo un numero di telefono - di Roma! - che può essere contattato da chi, in tutta Italia, si viene a trovare in una situazione personale di particolare disagio. Servono soluzioni concrete per il contrasto del disagio lavorativo del Personale di Polizia Penitenziaria. Come anche hanno evidenziato autorevoli esperti del settore, è necessario strutturare un'apposita direzione medica della Polizia Penitenziaria, composta da medici e da psicologi impegnati a tutelare e promuovere la salute di tutti i dipendenti dell'Amministrazione Penitenziaria.

Comunicato stampa Sappe

 

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Eventi critici nel carcere di Airola, il Sindaco minimizza. Il Sappe: nascondono la testa sotto la sabbia
Polizia Penitenziaria sequestra droga e cellulare nel carcere minorile di Milano Beccaria
I legali di Massimo Carminati ora chiedono la revoca del 41-bis e per Salvatore Buzzi i domiciliari
Paolo Borsellino, adesso tocca a me: il docufilm della RAI ora disponibile online
Troppi suicidi in carcere: Garante nazionale dei detenuti si costituirà parte civile
Riina parla del direttore del carcere: un capo uguale a lui, non mi pento nemmeno se mi danno tremila anni di carcere
Trasferito in un altro carcere il detenuto urlatore: ha fatto impazzire il carcere di Trieste e le case vicine
Detenuto nel carcere di Bollate sferra un calcio nei testicoli ad Agente Penitenziario dopo essere stato sorpreso in atteggiamenti intimi con la moglie durante il colloquio


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 8


si ribadisce al Sindacato SAPPE e al DOtt. G De blasis che le forme di suicidio prese in atto dai colleghi sono palesemente chiare e non hanno bisogno del psicologo del psichiatra e il lavoro del poliziotto penitenziario che a lungo andare usura il cervello, percio' categoria usurante, sfiderei chiunque a starsi 30 anni sempre chiuso insieme ai detenuti e inevitabile che accadono gesti simili , la sua parte la fa anche il servizio istituzionale imposto come penitenziaria, quello che il SAPPE puo fare ma non lo fa' creare un sistema al fine che il personale della penitenziaria, diventi polizia a tutti gli effetti, ma che si occupi anche del controllo esterno delle strutture penitenziarie poste alla sicurezza con le automontate , come al carcere di poggioreale svolge tutti i giorni il servizio di ronda attorno a tutta l'area del carcere di poggioreale, tutti i carceri dovrebbero fare solo quel servizio , il sistema che la guardia si passi 8 ore ancora insieme ai detenuti deve finire, le guardie devono entrare solo per sedare rivolte, e liti tra detenuti gli educatori farebbero bene a rivestirsi della autorita' quelle del controllo dei detenuti e sapere piu cose, qui sembra che il lavoro degli educatori sia passato in mano alla polizia penitenziaria, ecco perche chiediamo di essere pagati di piu , spesso accade che l'operatore di polizia penitenziaria conosce piu cose dello status psicologico del detenuto, mentre l'educatore non sa quasi niente allora la polizia penitenziaria deve controllare il carcere all'esterno cosi si evitano tanto stress che dopo 30 anni di servizio puo presentarsi e allora facciamo qualche cosa

Di  simone  (inviato il 18/04/2017 @ 11:06:36)


n. 7


condoglianze alla famiglia del collega che si e suicidato, ma e mio pensiero sempre di piu il transito nella polizia di Stato, come ho sempre detto 8 ore chiusi nei carceri insieme ai carcerati e inevitabile che si arrivi dopo anni di servizio " si esce pazzi e non poliziotti" bisogna cambiare il servizio e evitare che certi raccomandati possono fare le scorte , e il collega di sezione rimanga chiuso come un cane in sezione fate qualcosa!

Di  simone  (inviato il 16/04/2017 @ 20:20:59)


n. 6


INSISTETE PESANTEMENTE sull'istituzione di un corpo di psicologi e psichiatri dislocati in tutta Italia, ai quali la Polizia Penitenziaria possa fare ricorso con spesa a carico dello stato o al massimo attraverso un ticket a costo simbolico. Il.supporto psichiatrico e psicologico nei confronti di chi svolge un lavoro stressante come il vostro e' assolutamente indispensabile!!!

Di  David Amato  (inviato il 11/04/2017 @ 22:26:56)


n. 5


Questa richiesta è rivolta al Dottor Consolo.
Da buon siciliano originario di Gangi, potrebbe essere più partecipe....
Mi piace tanto il verbo -partecipare-
Magari potrebbe fare una capatina nella sua città di origine e in tre ore raggiungerebbe Marsala a far visita alla famiglia di questo collega che l'ha fatta finita nel peggiore dei modi.
Sa chi usa il verbo partecipazione? il nostro Santo Padre Francesco.
Se lo farà dott. Consolo potrebbe rientrare nei cuori di tutti noi.

Come dicevano i nostri nonni, chi vivrà vedrà!

Di  anonimo  (inviato il 11/04/2017 @ 22:19:31)


n. 4


R.I.P. caro collega.

Di  anonimo  (inviato il 11/04/2017 @ 16:46:51)


n. 3


R.I.P.

Di  Anonimo  (inviato il 11/04/2017 @ 16:15:13)


n. 2


Le più care e sentite condoglianze ai famigliari del caro collega; il gesto autosoppressivo lascia sempre sgomenti, in particolar modo quando con questi si ha un rapporto che sia famigliare, lavorativo o di amicizia ma lascia sgomenti anche solo sentire o leggere la notizia. Purtroppo la nostra dirigenza o meglio il nostro pseudo capo pensa e crede che le priorità siano rideterminare gli appellativi ai carcerati lavoranti e quelle delle celle: vedere tanti figli perire suicidi evidentemente non desta nessuna preoccupazione e interesse . Per quanto possa essere di aiuto mi stringo al dolore dei famigliari e al collega dico riposa in pace fratello mio della Polizia Penitenziaria.

Di  Roberto  (inviato il 11/04/2017 @ 15:41:00)


n. 1


R.i.p.

Di  RPM.  (inviato il 11/04/2017 @ 09:50:58)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

23.20.50.146


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

4 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il malessere del Corpo in una lettera a un quotidiano di Alessandria

7 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

8 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

9 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

10 Fiamme Azzurre, nuova stagione olimpica e nuova location per la preparazione di Anna Cappellini e Luca Lanotte





Tutti gli Articoli
1 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

2 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

3 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

4 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

5 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

6 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

7 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

8 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma

9 Detenuto Rachid Assarag a processo per violenza e oltraggio all''Ispettore di Polizia Penitenziaria di sorveglianza nel carcere di Imperia

10 Cassazione conferma condanna ad ex Agente penitenziario: ricevette 500 euro in cambio di un telefonino ad un detenuto


  Cerca per Regione