Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Anonymous: non ce l'aspettavamo!


Polizia Penitenziaria - Anonymous: non ce l'aspettavamo!

Notizia del 10/08/2011

in PrimoPiano

(Letto 4355 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Non ce l’aspettavamo.
Non ci aspettavamo la vostra visita.

Non eravamo preparati al vostro attacco (come avete avuto modo di vedere e far vedere) e sicuramente non lo saremo mai del tutto.

Riteniamo inutile “blindare” i nostri siti, anzi (e lo diciamo anche ad altri gruppi di hacker probabilmente interessati) tutti i nostri documenti sono alla luce del sole, accessibili a tutti.

Non pensavamo nemmeno di essere “appetibili” per delle azioni del genere, che secondo il nostro punto di vista, lasciano il tempo che trovano.

Volevate mandare un messaggio a tutti i detenuti?

Non c’era bisogno di tutto questo tran-tran ... Vi avremmo ospitato volentieri, magari nel sito www.poliziapenitenziaria.it dove siamo soliti riportare anche gli articoli critici nei confronti della nostra categoria di lavoratori, per questo lasceremo comunque il vostro messaggio sul nostro sito, convinti come siamo che un confronto ed una discussione sulle carceri debba interessare e coinvolgere tutti.

Tra l’altro, i primi ad essere interessati alle drammatiche condizioni in cui versano le carceri italiane siamo proprio noi poliziotti,  e soprattutto noi del Sappe che dei poliziotti penitenziari siamo il sindacato più rappresentativo.

Le carceri le conosciamo bene e  siamo felici quando sempre più persone se ne interessano, ma da azioni come la vostra, credeteci, non se ne tira fuori nulla, se non giornate perse per noi del Sappe, che oltretutto siamo l’unico sindacato davvero critico e di denuncia nei confronti di questa grave situazione.

A seguito della vostra azione, sia voi che noi, abbiamo ricevuto parecchio interesse da parte dei media: pensate che serva a qualcosa?

Che sia stato un interesse proficuo?

Noi riteniamo che sia un interesse sterile, un interesse di tipo folkloristico che non aggiungerà nulla ad una maggiore comprensione delle condizioni delle carceri.

Pensate che alle persone detenute interessi ottenere questo tipo di solidarietà?

Ne ricevono già tanta, gratuita ed inutile, anche da parte di altri sindacati e politici che stanno sfruttando la situazione e che stanno già preparando il teatrino di ferragosto, quando si recheranno in visita nelle carceri ad esprimere la loro solidarietà per le “drammatiche condizioni in cui versano tutti i poveri detenuti”.

Anche questo continuo e retorico riferimento alle drammatiche condizioni di tutti i detenuti, nel quale anche voi siete caduti, non porta a nulla.

Nessuno deve mai dimenticare che tra quei “poveri detenuti” c’è anche qualcuno che la maggior parte degli stessi reclusi giustizierebbe sommariamente se solo potesse.

Tra quegli stessi detenuti c’è gente che, anche chi inneggia alle vostre azioni dimostrative vorrebbe veder marcire fino all’ultimo giorno della loro vita.

Certamente non è questo che uno Stato democratico deve auspicarsi e favorire.

Prima di tutto vengono i diritti, soprattutto quelli fondamentali.
Per questo in carcere ci lavora la Polizia Penitenziaria.

Il ruolo di noi poliziotti penitenziari è anche quello di garantire la sicurezza e la dignità dei detenuti.

Credeteci ... non è un lavoro facile.

Nel vostro comunicato ci è sembrato di capire che per voi le nostre “lagnanze” sullo stress lavorativo sono cosa da poco conto.

Eppure, queste lagnanze fanno parte comunque dei diritti a cui voi dichiarate di ispirarvi e costano continue aggressioni da parte dei “poveri detenuti” ai danni dei nostri colleghi e a volte, purtroppo, portano anche a disagi ben più gravi di una doccia mal funzionante in carcere.

Rifletteteci meglio prima della vostra prossima azione dimostrativa, altrimenti rischiate di far parte di quel teatrino di folklore e sfruttamento che è, in fin dei conti, la causa maggiore delle difficili condizioni in cui si ritrovano migliaia di detenuti (e loro famiglie) e migliaia di poliziotti penitenziari (e loro famiglie).

Ma, soprattutto, non dimenticate mai che noi del Sappe non siamo “l’Istituzione Carcere” ma, solamente, coloro che rappresentano (con fierezza) quelli dei quali Pasolini scrisse:

«Perché i poliziotti sono figli di poveri. Vengono da periferie, contadine o urbane che siano. Conosco assai bene il loro modo di esser stati bambini e ragazzi, le preziose mille lire, il padre rimasto ragazzo anche lui, a causa della miseria, che non dà autorità. La madre incallita come un facchino, o tenera, per qualche malattia, come un uccellino; i tanti fratelli … Hanno vent´anni, la vostra età, cari e care.»

Se vorrete replicare, sapete dove trovarci.
Stavolta magari senza bisogno di mandarci all’aria tutto quanto.
 
La redazione di www.sappe.it e www.poliziapenitenziaria.it

Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
E'' stato ritrovato il Poliziotto penitenziario scomparso venerdì
Carcere di Fuorni, Santi Consolo non mantine le promesse: la protesta dei Poliziotti penitenziari
Alcol e telefonino nel carcere di Mantova: erano in una cella occupata da detenuti Rom
Direttore del carcere di Busto Arsizio ammette le difficoltà: pochi Agenti ed educatori, ed è tornato il sovraffollaemento
Presidente Trump ritira l''ordine di ridurre le carceri private negli USA
Sindaco di Lucca: il carcere rimane quello, dal Ministero solo le solite proposte
I familiari delle vittime della Uno Bianca: loro hanno ucciso i nostri cari, che muoiano in carcere
Agenti penitenziari perquisiscono la sua cella e il detenuto rompe lo sgabello e ferisce due Poliziotti del carcere di Udine


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 8


Ragazzi, nonostante io sia in parte un Anonymous devo dire che stavolta hanno fatto davvero una cazzata. Chiunque sa che la situazione delle carceri non é di certo responsabilità vostra, anzi a quanto ne so non siete messi benissimo anche. Alla fine il vostro sito é stato attaccato solo ed esclusivamente perché ne hanno avuto l'opportunità. Comunque complimenti per la risposta.

Di  anonimo  (inviato il 16/08/2011 @ 11:18:38)


n. 7


http://www.polizia-penitenziaria.it/notizie.asp?id=3698

... semprechè tu abbia il tempo necessario per leggere il lunghissimo messaggio del capo del dap.

Di  Redazione  (inviato il 12/08/2011 @ 08:03:48)


n. 6


dimenticavo: ho letto sul sito che Ionta avrebbe espresso solidarietà per le intrusioni informatiche. ma dove è possibile leggere il comunicato stampa del Dap, visto che sul sito ufficiale del Corpo non ve n'è traccia? Cosa vi ha scritto?

Di  Vero eretico  (inviato il 11/08/2011 @ 23:54:21)


n. 5


Intanto piena solidarietà per l'attacco subito dai Vostri siti. Siete un riferimento per tutti, non solo poliziotti evidentemente, e quindi date fastidio. Ma continuate nella vostra attività di informazione, rivendicazione e protesta che faranno crescere ulteriormente il nostro amato Corpo di Polizia Penitenziaria. E avete fatto bene a rispondere a chi vi ha attaccato. Con stile e classe, facendo davvero capire a chi probabilmente sa poco di carcere che se nelle nostre prigioni non c'è solo tristezza e grigiore è grazie ai Baschi Azzurri, uomini e donne, che lavorano con passione, competenza e professionalità.

Di  Vero eretico  (inviato il 11/08/2011 @ 23:43:19)


n. 4


Risposta di gran classe.
Il colpo al vostro sito e' stata una caduta di stile imperdonabile e la vostra risposta e' ammirevole.

Ho ragionevole certezza che anonymous italia non sia granche' legato ad anonymous internazionale e che all'interno di anon italia non tutti concordano con lo scherzone infertovi.


Di  dividedbyzero  (inviato il 10/08/2011 @ 23:51:41)


n. 3


Un'ottima risposta, condivido in pieno. Giusta la protesta di LulzSec, ma modalità e bersaglio fuori luogo. Se i carcerati fanno una vita di m@#]a, credete che chi condivide le proprie giornate con loro si diverta come matti? Spesso sono proprio le guardie a portare un barlume di umanità fra le sbarre delle prigioni! Pensateci Anonymous e LulzSec

Di  harvey  (inviato il 10/08/2011 @ 18:24:13)


n. 2


Bravi, bella risposta.
Ciao ragazzi...

Di  Appuntato Caputo  (inviato il 10/08/2011 @ 15:53:44)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.184.64


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

2 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

3 Giuseppe Simeone, sostituto commissario al Dap, 59 anni, stroncato da un infarto

4 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Diventa anche tu Capo del DAP!

7 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 E'' stato ritrovato il Poliziotto penitenziario scomparso venerdì

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione